Il Festival di Sanremo è la kermesse musicale più contestata sicuramente ma anche più amata, nonostante tutto, dagli italiani.

E’ lo spettacolo più atteso in cui la musica, il talento, il gossip e la moda la fanno da padrone.

Ma è anche il palco che ha portato sullo scenario mondiale i talenti pontini.

Per una città ed una provincia che, troppo spesso, stentano a farsi riconoscere.

Per una città che in molti casi viene ancora identificata come provincia di Roma ci sono stelle che brillano e che sono riuscite a portare il nome di questa città alla ribalta.

Citare Tiziano Ferro è facile, semplicistico, quasi scontato.

Le sue capacità canore, la sua generosità, la sua storia sono ormai patrimonio di tutti e non solo dei suoi fan.

Per questo voglio parlare di chi, come Luca Velletri, Gianmaurizio Foderaro e Giordana Angi con ruoli e professioni completamente diverse stanno rendendo il nostro territorio protagonista.

Conduttore e giornalista pontino Foderaro è diventato voce di punta di Rai Radio 1 nonché protagonista, con Dario Salvatori, della trasmissioneIl mattino di Radio1 che ogni giorno dà il buongiorno all’Italia tra informazione, intrattenimento e approfondimenti.

Giordana Angi è una cantautrice di Aprilia classificata seconda alla diciottesima edizione del talent show Amici di Maria De Filippi, aggiudicandosi il premio della critica.

Luca Velletri è un artista poliedrico che ha fatto della sua voce lo strumento per incantare e trasmettere la passione per un mestiere non facile che grazie alla perseveranza e allo studio lo ha riportato come vocalist sul palco di Sanremo dopo un’assenza lunga dieci anni.

A loro dobbiamo dire grazie perché sono la dimostrazione di una vivacità che Latina e la sua provincia spesso dimenticano di avere.

Vivacità professionale e talenti che vanno a colmare quel volto identitario a cui altri settori, a partire dalla politica, ci hanno spesso, ingiustamente, condannati.

La loro voce è la voce di un territorio che ha tante potenzialità e spesso non trova il coraggio di realizzarle.

Il loro successo è il simbolo di un ardire che è patrimonio comune di una comunità che spesso dimentica di guardare in alto.

A Sanremo, sul palco dell’Ariston, con Giordana, Gianmaurizio, Tiziano e Luca ci sono non solo dei grandi professionisti ma un’opportunità che possiamo e dobbiamo cogliere: pensarci grandi per diventarlo davvero.

Quattro voci che hanno il merito non solo di emozionarci ma di farci sentire orgogliosi.