Lavori in corso sul ponte Mascarello. Peccato che non si tratti di quelli relativi e propedeutici alla sua fruizione o riapertura.

Al contrario, da questa mattina sono operativi alcuni muletti che stanno procedendo a sistemare dei guard rail in cemento finalizzati proprio a chiuderne definitivamente l’accesso.

Il ponte sino a due settimane fa era percorribile a piedi e in bicicletta. mentre per quanto riguarda il traffico di auto e mezzi era stato precluso il passaggio a dicembre del 2019.

da allora solo alcune ipotesi tra cui quella di riaprirlo almeno ai pedoni poi naufragato.

Il risultato è che il litorale di Latina è spezzato in due. Il tratto di accesso alla strada per Valmontorio è chiusa. Il traffico, come accaduto anche domenica scorsa diventa ingestibile a causa del blocco di una strada fondamentale per il suo decongestionamento.

Residenti, operatori balneari ed imprese del territorio sono sul piede di guerra.

Tra i problemi tutt’altro che risolti c’è anche quello della sicurezza a fronte di una segnaletica insufficiente ed inadeguata, collocata a ridosso del ponte per comunicarne la chiusura e che spesso trae in inganno portando auto e camion a compiere manovre pericolose per tornare indietro.

E per quanto riguarda l’accesso al mare per i diportisti siamo ancora all’anno zero.

Una situazione figlia di anni di disinteresse e di mancanza di interventi adeguati. E un progetto, quello di ristrutturazione del ponte, ancora in alto mare nel solito gioco di rimpalli di competenze e di atti che si rincorrono tra Comune e Regione.