polizia

Una donna di Latina, di 57 anni, è stata arrestata dalla polizia ed è finita ai domiciliari.

La donna è ritenuta responsabile dei reati di atti persecutori, minacce aggravate, nonché della violazione del divieto di avvicinamento alla parte offesa.

A gennaio la donna era stata raggiunta, per analoghi reati di stalking e minacce gravi, dalla misura cautelare del divieto di avvicinamento.

L’ulteriore attività investigativa permetteva di individuare messaggi, sia scritti che vocali, inviati dall’indagata sul cellulare della vittima, anche attraverso i social network, dal contenuto offensivo e minatorio.

Vittima un uomo di 60 anni di Latina che, esasperato dai comportamenti della donna incapace di accettare la fine della loro relazione sentimentale, ha riferito una serie infinita di atti persecutori, pervenutigli tramite messaggi inoltrati sui social network, nonché numerosissimi tentativi di chiamata e messaggi vocali lasciati dalla donna sulla segreteria telefonica del proprio cellulare contenenti, oltre ad offese di varia natura, anche esplicite minacce di morte.

Ieri sera, 7 aprile 2020, la donna è stata accompagnata presso il proprio domicilio, dove dovrà rimanere a disposizione dell’autorità giudiziaria.