Mattinata movimentata davanti al pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria Goretti di Latina.

Gli agenti della polizia mentre si trovavano nel presidio sanitario notavano all’esterno due giovani tossicodipendenti, già conosciuti agli operatori per i numerosi pregiudizi di polizia, che con toni piuttosto accesi, stavano discutendo tra loro.

Avvicinatisi ai due, gli agenti li invitavano ad assumere un atteggiamento più consono ed appropriato,  anche in considerazione delle numerose persone presenti nel pronto soccorso in attesa di essere visitate.

L’invito veniva raccolto solo da uno dei due, mentre l’altro, con atteggiamento strafottente, fronteggiava i due poliziotti aggredendoli verbalmente.

Nuovamente invitato dagli agenti a tranquillizzarsi lo straniero ha reagito con violenza tentando di colpire gli agenti con calci e pugni.

Bloccato con non poca fatica dai due poliziotti, uno dei quali, colpito agli arti inferiori, è dovuto ricorrere alle cure della struttura sanitaria, ove visitato è stato refertato con 5 giorni di prognosi.

L’uomo, di 26 anni, cittadino russo, pluripregiudicato per reati in materia di stupefacenti e patrimonio, è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale.

Come disposto dal pubblico ministero di turno presso la Procura della Repubblica di Latina, Monsurrò, il 26enne, dopo le rituali formalità, è stato associato alle camere di sicurezza della Questura dove resterà in attesa del rito direttissimo.