Gianmarco Proietti
Gianmarco Proietti

Presa di posizione netta da parte dell’assessore all’istruzione del Comune di Latina, Gianmarco Proietti, sul servizio mese nelle scuole.

I recenti fatti di cronaca avevano già visto Proietti, a differenza del sindaco Coletta, metterci la faccia, incontrare i genitori e impegnarsi a trovare soluzioni alle lacune esistenti in un servizio fondamentale.

“La mensa a scuola – spiega Proietti – deve essere un servizio gratuito per tutti i bambini in quanto servizio educativo e didattico che fa parte dell’offerta formativa. Il cibo è un bene comune”.

Eliminare le disparità e non fa ricadere sulle spalle dei bimbi eventuali inadempienze, da parte di tutti, è l’obiettivo.

“Sono convinto – spiega l’assessore – che i pasti nella scuola dell’obbligo e pubblica debbano essere ricompresi nella sfera dei servizi essenziali, equiparati quindi ai trattamenti ‘alberghieri’ erogati, in virtù del diritto inalienabile alla salute, all’interno delle strutture ospedaliere. Ho preparato una lettera che invierò al Ministro dell’istruzione perché è sicuramente il Miur a dovere garantire anche questo diritto. Il Comune oggi non può caricarsi questa spesa che allo stesso tempo non può continuare a pesare sulle spalle delle famiglie. Dopo le merendine  mi auguro che il Ministro Fioramonti prenda a cuore anche la questione dei pasti gratuiti a scuola”.

L’assessore interviene anche su alcuni casi registrati a Latina di mancate iscrizioni alla mensa e di conseguenza di mancata erogazioni dei pasti.

“Oggi in commissione abbiamo avuto una discussione molto costruttiva e siamo giunti tutti alla conclusione che le modalità e soprattutto i tempi relativi alle procedure di iscrizione – conclude Proietti – debbano essere regolamentati in maniera differente per cercare di ridurre al minimo i casi di bimbi non iscritti”.