“Un bilancio imposto dall’alto, con l’opportunistica scusante dell’emergenza sanitaria. Senza un confronto, da far passare in tutta fretta con tre commissioni da convocare a tempo di record e ignorando la possibilità di uno slittamento concessa dalle ultime normative introdotte dal Governo. Dalla maggioranza ci fanno passare per i cattivi e gli ostruzionisti di turno, ma il problema è che non sono informati sulle regole basilari della politica e che calpestano quel ruolo di controllo e di indirizzo che ci è stato affidato dall’elettorato!”.

Non usa mezzi termini il capogruppo di Fratelli d’Italia in consiglio comunale a Latina, Andrea Marchiella.

La scelta di Lbc di procedere all’approvazione del bilancio di previsione senza se e senza ma non è stata digerita dal centrodestra che aveva chiesto di posticipare, come consentito dalla legge, i termini per avere maggiore spazio di analisi, osservazione e collaborazione anche i fini di dare risposta concrete all’emergenza sociale ed economica in atto.

“La maggioranza non può pensare di rinviare ogni confronto al momento in cui avverrà l’assestamento di bilancio, e cioè tra due o tre mesi. Quanto Lbc chiede di approvare si basa esclusivamente sulla sua visione non tenendo conto delle problematiche causate dal Coronavirus. E’ dunque inevitabile l’intenzione dell’opposizione di votare contro evitando anche le astensioni, che equivarrebbero ad avallare quelle scelte. Hanno anche definito inadeguati o inopportuni gli emendamenti annunciati dal centrodestra, attinenti solo alle difficoltà di questo periodo”.

Marchiella non manca di rincarare la dose ricordando come tanta fretta sia ingiustificata ieri come oggi considerato anche che la commissione bilancio non è stata convocata per mesi.

“Lbc chiedeva una collaborazione? Poteva ottenerla convocando tutti i capigruppo in aula consiliare, per un sano e costruttivo confronto relativo alle problematiche di questi giorni. Sarebbe bastato rispettare le misure di sicurezza in aula, come accade in molti altri contesti a livello nazionale e internazionale. Stesso discorso poteva essere applicato per le commissioni, senza paralizzare la macchina amministrativa. Dietro quei buoni propositi del “Patto per la Città” vedo dunque tante chiacchiere e tanta ipocrisia, altro che dialogo e collaborazione!”.

L’esponente di Fratelli d’Italia ha anche segnalato delle situazioni da verificare relative all’emergenza.

“Al consigliere Raimondo Tiero è stato evidenziato che gli utenti del dormitorio di via Aspromonte lasciano la struttura la mattina per girovagare indisturbati in città per tutta la giornata. Mi auguro che la notizia non sia veritiera perché sarebbe un affronto alle restrizioni introdotte per contenere il contagio e alle stesse persone costrette a rimanere in casa. Una situazione simile si sta vivendo con gli ospiti del centro Al Karama, molti dei quali sembrerebbero ben poco allineati alle disposizioni introdotte contro gli assembramenti e gli spostamenti ingiustificati.

Un quadro ancora più allarmante, testimoniato anche da video e fotografie, si è verificato in questi giorni a borgo Le Ferriere dove gli extracomunitari ospitati da una cooperativa in una struttura del posto sono soliti passeggiare senza meta e stazionare per le vie della frazione e del vicino borgo Montello, talmente indifferenti alle disposizioni da organizzare perfino delle partite di calcio.

“Abbiamo già denunciato il caso agli organi competenti e ci auguriamo – conclude Marchiella – di non dover più assistere a queste situazioni, per il bene di tutta la popolazione. Proprio ai cittadini voglio fare i miei complimenti per la forza d’animo che stanno dimostrando in questo momento: li ringrazio uno ad  uno per l’attenzione che stanno prestando alle varie disposizioni, sono certo che questo periodo servirà come spunto di riflessione per affrontare il futuro e per riscoprire certi valori spesso trascurati con la vita frenetica di tutti i giorni”.