polizia

E’ stato il movimento sospetto di persone intorno ad un appartamento ad insospettire la polizia che ha deciso di effettuare un appostamento in una via della periferia di Latina.

E non ci è voluto molto per scoprire l’arcano.

Poco dopo, infatti, è arrivata un’auto con due uomini, che si sono fermati di fronte all’abitazione segnalata.

Da una delle finestre della casa veniva lanciato in strada un involucro, immediatamente raccolto e nascosto in tasca da uno dei due soggetti in attesa.

Quest’ultimo, probabilmente abituato a tale “modus operandi”, prima di allontanarsi velocemente a bordo dell’auto con la quale era sopraggiunto, riponeva all’interno della cassetta postale, posta all’esterno dell’abitazione, alcune banconote.

A tal punto gli uomini della Squadra Mobile hanno provveduto a fermare l’auto e controllare l’acquirente, indosso al quale è stato rinvenuto l’involucro lanciato in strada poco prima, consistente in una “pallina” contenente sostanza stupefacente di tipo “cocaina”, per un peso di due grammi.

Alla luce di quanto accertato, gli agenti della sezione Antidroga, decidevano quindi di fare irruzione nell’appartamento.

Trovati involucri contenenti cocaina, per 10 grammi complessivi, un bilancino elettronico di precisione e materiale per il taglio ed il confezionamento delle singole dosi.

L’uomo, 30 anni, arrestato, aveva messo a punto un formidabile stratagemma per continuare a spacciare droga ai suoi clienti abituali fidelizzati, senza incorrere nei serrati controlli disposti in strada a seguito delle restrizioni di movimento disposte con il decreto della presidenza del consiglio dei ministri.

I clienti ricevevano la droga lanciata dal balcone riponendo debitamente il corrispettivo in denaro pari a 70 euro per due grammi  di cocaina, nella cassetta della posta.

Il 30enne è detenuto ora nel carcere di Latina mentre l’acquirente, a sua volta segnalato alla competente autorità in qualità di assuntore, è stato anche sanzionato amministrativamente, insieme all’altra persona in sua compagnia, per violazione delle prescrizioni relative al contenimento dell’epidemia da “Covid 19”.