Comune-di-Latina

Emblematico è il caso della determina con cui si approva lo stanziamento dei fondi per il concerto di Achille Lauro.

Le osservazioni mosse all’amministrazione a traino Coletta sulla spesa effettuata ha scatenato un putiferio.

Il presidente della commissione cultura Fabio DìAchille di tutta risposta ha pubblicato un post nel quale sostiene che la somma, oltre 70mila euro, sarebbe destinata a tutta una serie di eventi che costelleranno la Notte bianca e non solo.

D’Achille ha aggiunto: “Informo la cittadinanza che 70mila euro è il costo di tutti gli eventi culturali e sportivi dal 1 giugno al 30 ottobre e questi fondi quindi servono a fare attività culturali con oltre 100 associazioni e altri 200 eventi!”.

Peccato che D’Achille non abbia letto la determina che, al contrario, parla di concerto per circa 40mila euro e di allestimento palco con annessi e connessi, per circa 30mila.

I casi sono due.

O chi è in maggioranza nel Comune di Latina non conosce quanto viene scritto nelle determine o fa finta di non saperlo.

Lo stesso assessore Di Francia nel corso della presentazione della notte bianca e delle celebrazioni per i cinquanta anni dal primo passo compiuto dall’uomo sulla luna ha spiegato, senza entrare in polemica, che quella somma sarà in parte ristorata dalla regione Lazio.

I 70mila euro a questo punto diventano quasi irrilevanti rispetto al fatto che la maggioranza di Lbc insiste e persiste a guidare una città capoluogo a suon di ostinazione.

La mano destra non sa quello che fa la sinistra e questo per Latina non fa certo ben sperare.