mercoledì 22 Maggio 2024
spot_img

Latina, fasce frangivento dimenticate. Altobelllo, Fratelli d’Italia: “A rischio i cittadini”

Le fasce frangivento sono diventate croce e delizia per la provincia di Latina.

Il passaggio di competenza dai Consorzi di bonifica alla Regione Lazio per effettuare i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria non ha prodotto i frutti sperati.

I rami degli alberi, e il maltempo in questi mesi non ha fatto che evidenziarlo, sono diventati spesso un pericolo per le case, per gli automobilisti.

Da Borgo Carso a Borgo Podgora le fasce frangivento sono diventate il simbolo di inerzia ed incuria.

È il caso di via Campomaggiore, via Santacroce, via Polledrale, via Longarina, costeggiate da filari di alberi lasciati crescere liberamente in altezza senza più interventi di taglio o potatura.

“Questa indifferenza da parte delle istituzioni ci preoccupa. Si tratta di arbusti fragili, rami e tronchi possono spezzarsi a causa del vento abbattendosi sulle strade, facendo correre pericoli agli automobilisti e alle abitazioni circostanti. Sappiamo – Franco Altobello, dirigente comunale di Fratelli d’Italia – che i fenomeni meteorologici con venti intensi non sono niente affatto rari, e i recenti casi di maltempo che ci hanno documentato la violenza del vento ci inducono a chiedere un intervento urgente”.

La richiesta è chiara.

Le fasce frangivento devono essere messe in sicurezza.

Ma quello che tarda è la risposta.

“Il sindaco è direttamente responsabile della sicurezza dei suoi concittadini, e non può restare indifferente di fronte ad una situazione di pericolo, anche se l’intervento che chiediamo non è di sua diretta competenza. Ci aspettiamo al più presto che l’amministrazione comunale faccia la sua parte sollecitando la Regione – conclude Altobello – a fare la manutenzione che le spetta. Non possiamo più attendere, non ci sentiamo tranquilli nel percorrere queste strade”.

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img