domenica 23 Giugno 2024
spot_img

Latina, due ventenni clandestini rapinano e aggrediscono due 80enni tra piazza Moro e via Reni. Arrestati

Due ragazzi, rispettivamente di 20 e 18 anni, entrambi di nazionalità marocchina, clandestini e a Latina da poche settimane, sono stati arrestati oggi dalla polizia.

Poco prima di mezzogiorno i due hanno avvicinato un uomo ultraottantenne in piazza Moro.

L’anziano era tranquillamente seduto su una panchina a godersi uno sprazzo di sole e completamente ignaro, però, del fatto che il suo borsello, portato a tracolla, risultava essere un bottino appetibile per i due.

Dopo averlo avvicinato sono passati all’azione, agendo secondo uno schema evidentemente preordinato e violento. Mentre uno dei due gli bloccava le braccia, l’altro gli sfilava il borsello, lasciando la povera vittima scossa e sbigottita.

Nemmeno il tempo, per la Volante, di giungere sul posto che i due rapinatori venivano notati e segnalati al 113 da alcuni abitanti, di fronte al Pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria Goretti.

Gli agenti, infatti, avendo trasmesso tempestivamente le descrizioni dei due criminali, consentivano all’operatore della centrale operativa di comprendere che i due erano i due giovani appena segnalati in zona ospedaliera e che avevano appena tentato di scippare anche un’anziana donna, anche lei 80enne, non riuscendovi solo perché “disturbati” da alcuni passanti che li mettevano in fuga.

Questa volta, però, venivano incalzati da vicino dagli agenti della Volante nel frattempo sopraggiunti che li raggiungevano in piazza del Popolo, dove riuscivano a bloccarli. Non contento, uno dei due opponeva ulteriore resistenza al fermo e, strattonato violentemente l’agente che lo aveva raggiunto, aveva tentato inutilmente di darsi alla fuga.

La tempestiva reattività degli agenti ha cosnentito non solo di assicurare i malviventi alla giustizia ma anche di recuperare l’interno bottino della rapina ai danni dell’anziano.

I due sono stati arrestati per rapina aggravata e per tentato furto, oltre che per resistenza a pubblico ufficiale e saranno portati in carcere in attesa di udienza di convalida.

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img