danni Goretti

Latina avrà un nuovo ospedale.

La struttura sarà realizzata nell’area di proprietà regionale che si trova, su un’area di 13 ettari, a Borgo Piave, contemplerà 524 posti letto per un investimento di 230 milioni di euro.

Ad annunciarlo, dopo un incontro con l’assessore regionale alla sanità, Alessio D’Amato, il segretario provinciale del Pd, Claudio Moscardelli e i consiglieri regionali, Salvatore La Penna ed Enrico Forte.

Martedì è arrivato il via libera per destinare le risorse pubbliche derivanti dal fondo per l’edilizia sanitaria di 800 milioni della Regione Lazio finalmente sbloccato con il risanamento dei conti .

“Insieme alla stabilizzazione dei precari, all’assunzione di personale infermieristico e medico, all’investimento in tecnologia , alla salvaguardia di tutti i Punti di primo intervento e alle Case della salute, la Regione Lazio – spiegano all’unisono Moscardelli, la Penna e Forte – fa un grande investimento sull’edilizia sanitaria e, dopo aver stanziato le risorse necessarie per realizzare l’ospedale del Golfo a Formia, sceglie di realizzare il nuovo ospedale Dea di II livello a Latina”.

La Regione sta approntando il provvedimento per l’aggiornamento della rete ospedaliera e dall’ultima riunione è scaturita la decisione di inserire la nuova struttura ospedaliera.

Un lavoro che nasce da lontano e che ha visto negli anni, e nei divesri ruoli ricoperti, Moscatrdelli puntare su quesllo che non rappresenta solo un investimento in sanità ma una svolta sotto il profilo dei servizi e delle prestazioni resi in un settore fondamentale per i cittadini.

Una nuova strutturea rppresenterebbe, infatti, la possibilità di intensificare all’insegna della qualità l’offerta sanitaria di tutta la provincia pontina.

“Come Pd – spiegano – ci siamo attivati per tempo e un anno fa abbiamo presentato in consiglio regionale una mozione, a prima firma La Penna e Forte, e poi sottoscritta, votata e approvata all’unanimità per impegnare la giunta regionale per il nuovo ospedale di Latina. In questo modo si archivia inoltre l’incognito della realizzazione in progetto di finanza ossia un investimento di un imprenditore privato. Ora avremo il 100% di risorse pubbliche”.

Con l’inizio del prossimo anno dovrebbero, dopo la battuta d’arresto, essere conclusi i lavori di ampliamento del Pronto soccorso di Latina.

Tra poco sarà inaugurata la camera ibrida con tecnologia di grande qualità e l’ospedale di Latina sta offrendo con i nuovi direttori di Uoc nominati un’innalzamento della qualità dei servizi. Occorre procedere al raddoppio delle sale operatorie essendo insufficienti quelle attuali e il DG Giorgio Casati sta lavorando per conseguire l’obiettivo.

“Occorre proseguire e portare a compimento tutti i programmi di cambiamento in qualità dell’offerta di sanità in provincia di Latina. Undici anni di blocco di assunzioni e di investimenti hanno aperto criticità enormi con grande sacrificio del personale in servizio. Inoltre un anno fa il Pd ha chiesto ed ottenuto dalla Regione con l’assessore D’Amato di stanziare 9 milioni di euro per una nuova ala dell’attuale Santa Maria Goretti. Poiché l’ospedale Santa Maria Goretti ha bisogno di spazi e non si può attendere la costruzione di una nuova struttura”.

Su quest’ultimo passaggio è stata firmata la determina per lo studio di fattibilità ed è pronto il decreto per inviare al Ministero gli interventi programmati in Regione e giunti al termine dell’iter di approvazione.

“Si potrà quindi – concludono – procedere a breve per la gara di progettazione e di appalto per la costruzione della nuova ala dell’attuale ospedale. Il Pd è forza di governo capace di avanzare proposte e capace di individuare soluzioni. Governare significa avere idee, operare delle scelte per risolvere i problemi dei cittadini ed ottenere le risorse necessarie”.