domenica 28 Novembre 2021

Latina, attacco del M5s alla sua ex Marinella Pacifico

“Ci sfugge il motivo per cui un governo locale di responsabilità sarebbe da considerarsi un’operazione politica spregiudicata e in controtendenza con i progetti dei relativi leader” la richiesta di chiarimento del Movimento 5 stelle di Latina è rivolta alla senatrice Marinella Pacifico di CAMBIAMO.
“CAMBIAMO a Latina, il partito di Giovanni Toti, nonostante la coalizione con il centrodestra, non è riuscito a superare la soglia di sbarramento sparendo così dal radar della politica cittadina. Lo dimostra il suo contributo elettorale che ha portato a Zaccheo appena 669 voti, ovvero circa l’1%” fanno notare in  una nota i giovani pentastellati.
“Come noto, infatti, nella lista Pacifico erano presenti le tre figlie della parlamentare che, insieme, hanno collezionato appena 20 preferenze; per non parlare dell’ex assistente parlamentare Francesco D’Alfonso che, nonostante in passato si sia lasciato andare a biasimevoli sfoghi social contro la sua datrice di lavoro, ha ottenuto solo 46 voti pur essendo il capolista” continua Luca Pietrolucci, candidato consigliere comunale alle ultime amministrative di Latina che ne ha anche per Gian Marco Muraro, ex attivista pentastellato della città.
“Quest’ultimo, forza-grillino, primo dei non eletti in regione nel 2018 e, verosimilmente per questo, reclutato nella lista “Latina 2032” per una dote teorica di 1586 voti (quelli ottenuti alle regionali), con i 53 consensi ottenuti si è classificato quintultimo della sua lista. Lo stesso Muraro che, il giorno dell’arrivo del Presidente Conte a Latina, ha screditato i membri della lista M5s locale; lo stesso Muraro che deve il suo impiego di navigator proprio ad una legge, quella sul reddito di cittadinanza, voluta fortemente dal M5S”.
Ma tornando alla statista pontina di “CAMBIAMO”, secondo Pietrolucci, “non si deve essere accorta né del totale fallimento della propria lista, né del fatto che il popolo sovrano ha decretato un sindaco di centrosinistra ma una maggioranza di centrodestra; ovvero una situazione simile a quella nazionale e regionale dove, a insaputa della Pacifico, si governa tranquillamente per senso di responsabilità e di palese convenienza politica e personale. La stessa convenienza che, evidentemente, l’ha portata il 17 febbraio scorso a dare la fiducia a Draghi e al suo governo di larghissime intese”.
“Latina vuole correre verso un futuro da troppo tempo negato e lo potrà fare, anche grazie all’utilizzo oculato dei fondi europei del PNRR, solo mediante una coalizione politica trasversale e una giunta di elevato spessore” conclude la nota.
Katiuscia Laneri
Giornalista pubblicista dal 1997. Conduttrice, scrittrice, videoreporter pluripremiata e pioniera dei new media. E' stata, tra le altre esperienze, fornitore di servizi per RAI TgR e corrispondente freelance per diverse testate e agenzie nazionali, anche da teatri di guerra quali Afghanistan, Libano e Kosovo. Esperta di economia turistica con la passione per le produzioni televisive.

CORRELATI

spot_img
spot_img