domenica 23 Giugno 2024
spot_img

Latina Ambiente, tutto rinviato al 12 maggio: in Consiglio mancano le proposte di Giunta e maggioranza

di Eleonora Spagnolo – Doveva essere il Consiglio decisivo per la sorte di Latina Ambiente, invece non ci sono mozioni da discutere: tutto rinviato a una seduta già fissata per martedì 12 maggio. È paradossale, eppure, davanti ai lavoratori della municipalizzata che aspettano solo di conoscere il loro futuro, i consiglieri comunali e la giunta si sono fatti trovare in un certo senso impreparati. Nonostante fosse stato fatto un consiglio comunale il 16 marzo conclusosi con la mozione dell’allora maggioranza che prevedeva una seduta interlocutoria con la Regione Lazio e una decisiva entro il 30 aprile, nella riunione odierna mancava ancora una proposta su cui discutere. Niente, né a favore della soluzione “in house”, né per la gara pubblica. Non l’ha presentata la giunta, né la maggioranza sgretolata.

Lavoratori_Latina_AmbientePer Fabio Cirilli si è trattato di una “presa per i fondelli”. Alessandro Cozzolino coglie l’occasione per ribadire il pensiero del PD: “Ci avete portato nella palude”. Nel dibattito emerge che Mauro Anzalone, di Forza Italia, stava raccogliendo firme per presentare una mozione, poi l’ha stracciata. A rivelarlo è Cirilli. “Raccoglievo firme su una mozione da allargare a tutti, ho sbagliato a non dire che l’avevo stracciata. L’intento era di presentare una mozione da parte di tutto il consiglio”, chiarisce il diretto interessato. “Voglio sapere se c’è una posizione della maggioranza dopo 50 giorni dal consiglio del 16 marzo”, a dirlo è Paolo Fragiotta, a nome di Insieme per Latina. Ci pensa Gianni Chiarato a mettere altra benzina sul fuoco: “Sembra che non sia successo niente dal 16 marzo – dice nel suo intervento il Consigliere indipendente – invece il 30 aprile una forza che componeva la maggioranza è venuta meno. Rispetto alle dichiarazioni del 30 aprile l’unico che si è dimesso è Cesare Bruni, mi risulta che gli assessori di Forza Italia sono tutti in carica, nessun presidente si è andato a dimettere, anzi, hanno pure convocato le commissioni…”.

Si decide di sospendere il Consiglio per una riunione dei capogruppo. Al rientro sono tre le mozioni presentate, una da parte di Forza Italia, l’altra da parte del Partito Democratico, e l’ultima a firma di Cesare Bruni. Tutte saranno discusse nella prossima seduta. Nello specifico la mozione di Forza Italia, illustrata da Corrado Lucantonio, prevede una gara ad evidenza pubblica, una struttura organizzativa che controlli lo svolgimento del servizio di raccolta rifiuti, una percentuale di rifiuti raccolti tramite differenziata pari al 65%, la liquidazione di Latina Ambiente e la chiusura della discarica di Borgo Montello (per la parte gestita da EcoAmbiente). Per certi versi simile, ma più stringata la proposta del PD: dato il fallimento della gestione di Latina Ambiente è opportuno procedere con una gara europea per la scelta del prossimo gestore. Due sono gli obiettivi principali che si pongono i democratici: arrivare al 65% di raccolta differenziata e scongiurare ogni ipotesi di proroga del servizio a Latina Ambiente. Va controcorrente Cesare Bruni che nella sua mozione suggerisce di procedere con l’affidamento “in house”, perché, spiega, “è la soluzione meno rischiosa, mentre l’esternalizzazione può essere dannosa per casse comunali”. Non solo: “La scelta ‘in house’ tutela la forza lavoro”, dice, ed è l’unico ad aver posto il problema in aula. Tutto questo sarà discusso il 12 maggio, e stavolta dovrà arrivare la decisione definitiva. Ma c’è un particolare da tenere presente: manca una proposta dai partiti rimasti a sostenere il Sindaco. E durante la seduta, né Giovanni Di Giorgi né l’assessore Alberto Pansera o Laura Francalancia hanno preso la parola. Dunque la posizione di Sindaco e giunta rimane sconosciuta.

Eleonora Spagnolo
Eleonora Spagnolo
Eleonora Spagnolo è parte della redazione di LatinaQuotidiano dal 2014. Qui ha alimentato la sua passione per il giornalismo, l'informazione e il web. Nei suoi studi figurano una laurea in Editoria Multimediale e Nuove Professioni dell'Informazione e un master in Web & Social Media Marketing.

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img