Elezioni Latina, centrodestra unito a lavoro su programma e candidato

Coesione sul programma, unità di intenti e sintesi sul candidato sindaco più adatto a realizzarlo nonchè a guidare la squadra che potrà dare a Latina un governo stabile ed equilibrato.

Questo l’obiettivo di Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia che si sono riuniti oggi per avviare il confronto in vista delle elezioni amministrative del 2021 a Latina.

Un incontro che ha visto intorno ad un tavolo Claudio Durigon, in rappresentanza della Lega, Paolo Trancassini, coordinatore regionale di Fratelli d’Italia e il coordinatore regionale di Forza Italia, Claudio Fazzone.

Il primo passaggio effettuato ha fugato qualsiasi dubbio o ipotesi di divisione interna al centrodestra. Con questa finalità si è, quindi, stabilito di lavorare sin da subito per arrivare ad un candidato e ad un programma condiviso, nel più breve tempo possibile.

Per quanto riguarda il profilo del candidato sindaco, è stato concordato che il nome dovrà essere scelto dal tavolo che si è costituito oggi e che continuerà a riunirsi periodicamente.

La persona che sarà scelta per guidare Latina sarà un nome di alto profilo e di esperienza, che saprà rappresentare la città, con personalità, credibilità e capacità politica di rinnovamento.

Nell’attesa di individuare il miglior profilo, i coordinatori comunali e i capigruppo di Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia lavoreranno insieme mettendo a confronto le bozze dei singoli programmi elettorali elaborati da ciascun partito, individuando i punti in comune ed arrivando ad una sintesi che possa diventare patrimonio dell’intera coalizione.

Inizia oggi un percorso in cui Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia metteranno in campo ogni sforzo ed ogni risorsa, non solo per vincere le elezioni, ma per dare a Latina una guida forte con un programma di governo tale da restituire alla seconda città del Lazio la grandezza che merita.

Si tratta del primo, importante, passaggio ufficiale compiuto dai tre partiti che tornano a formare il tridente del centrodestra. Spaccature e divisioni sono messi al bando per creare una compagine forte nei contenuti e nella squadra per compiere un percorso che miri non solo alle urne.