Consiglio-Regionale-Lazio

E’ stata approvata oggi dal consiglio regionale, con 37 voti favorevoli, la proposta di legge concernente: “Disposizioni in materia di tutela della salute sessuale e della fertilità maschile”.

Il provvedimento, formato da sei articoli, è stato presentato dai consiglieri del Pd Eugenio Patanè, Rodolfo Lena, Michela Di Biase e Marta Leonori, da Massimiliano Maselli per Fratelli d’Italia e da Giuseppe Simeone per Forza Italia.

Successivamente è stata sottoscritta da numerosi consiglieri di tutti i gruppi.

L’obiettivo è agevolare la prevenzione, la diagnosi precoce e il miglioramento delle cure delle patologie uro-andrologiche.

Previsto anche un programma di screening e prevenzione delle patologie andrologiche per tutti gli uomini di età compresa tra i 15 e i 24 anni e la creazione di una serie di strutture di andrologia urologica presso le aziende sanitarie locali per intercettare, diagnosticare e trattare le patologie.

Prima del voto finale, l’aula ha  approvato un ordine del giorno collegato alla legge (Patanè-Maselli), con il quale si chiede alla giunta regionale di individuare nell’Azienda ospedaliera San Camillo Forlanini il centro di riferimento regionale dedicato alle patologie uro-andrologiche, della sessualità e della riproduzione maschile.

Passati anche cinque emendamenti, di cui uno ciascuno per Patanè e Maselli e tre presentati dall’assessore regionale D’Amato.

Le risorse finanziarie  ammontano a 50mila euro per ciascuna annualità 2020-2021 e sono destinate a finanziare gli “interventi di promozione della conoscenza delle principali malattie uro-andrologiche attraverso campagne di informazione e prevenzione nelle scuole.