autostrada Roma - Latina

La Roma-Latina è tra le 10 opere bloccate che valgono di più. Il calcolo lo fa il quotidiano La Stampa. Le prime 10 grandi infrastrutture rimaste solo su carta valgono ben 32,5 miliardi di euro. Lo dice in realtà l’Associazione Nazionale Costruttori, che considera un totale di 600 opere dal valore complessivo di 53 miliardi.

Tra queste ci sono in testa la TAV Torino Lione (8,6 miliardi), a seguire la Gronda di Genova, i lavori di adeguamento sismico di A24 e A25, la terza corsia della A11 Firenze-Pistoia, la Roma-Latina, le tangenziali venete, il potenziamento di ferrovie e metropolitane romane, la linea 2 di Torino, la Av Brescia-Verona e l’autostrada Tirrenica. 

Opere bloccate dal mancanza di fondi, lentezze burocratiche e contenziosi, come nel caso dell’arteria deputata a collegare Latina alla Capitale d’Italia. L’autostrada Roma-Latina vale 2,8 miliardi di euro. Attualmente la possibilità di realizzare l’infrastruttura è appesa all’ennesimo ricorso in tribunale. L’ultima sentenza ha stabilito che la gara è da rifare, o meglio, basterebbe rifare le lettere di invito. 

Da parte sua il ministero delle Infrastrutture si è chiamato fuori: fare la Roma-Latina, a detta del titolare Danilo Toninelli, è una scelta che spetta alla politica, quello che il ministero non può più tollerare sono le condizioni disastrose della Pontina. Fermo restando che i fondi già stanziati sono destinati alla Roma-Latina e non alla messa in sicurezza della Pontina.

Ma da quando l’Anas ha preso in gestione la 148 è cambiato poco. Tranne qualche cantiere sporadico, le buche la fanno da padrone, e incidenti e rallentamenti sono all’ordine del giorno. 

Anche nei giorni scorsi si è tenuta una manifestazione dei sindacati per sollecitare lo sblocco dei cantieri. 

Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio e segretario del Pd ha garantito che o si rifà la gara oppure ci penserà la Regione a realizzare l’autostrada “In house” con un consorzio che possa coinvolgere Anas e Autostrade del Lazio. Ma al momento niente di questo è stato realizzato e si aspetta l’ultima decisiva sentenza. 

Mentre da Cisterna il sindaco Mauro Carturan sollecita la realizzazione dell’altra opera ad essa collegata, la bretella Cisterna-Valmontone. 

Anche questa caduta nel dimenticatoio.