sgomberate
La Questura di Latina

Oggi ricade la “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”. Nel campo della prevenzione e repressione dei reati di genere la Questura di Latina è sempre stata in prima linea per una battaglia che infuria sempre, ogni giorno.

Proprio per questo, in seno alla Squadra Mobile è stata istituita una Sezione dedicata al contrasto ai reati contro le fasce deboli, composta da poliziotte e poliziotti altamente specializzati nella delicata trattazione dei reati contro la persona ed in particolare di quelli commessi contro donne e bambini, consumati in ambito intra-familiare.

Dal 01 gennaio al 23 novembre 2020 la Polizia di Stato di Latina ha effettuato 89 arresti per reati quali atti persecutori; atti persecutori commessi dal coniuge legalmente separato o divorziato; atti persecutori commessi in danno di minore o donna in stato di gravidanza; violenza sessuale; violenza sessuale aggravata; violenza sessuale di gruppo e lesioni personali; di questi, 26 sono gli arresti per maltrattamenti in famiglia.

Per gli stessi reati, sono state denunciate in stato di libertà 322 persone, 21 delle quali per maltrattamenti in famiglia.

Su tutto il territorio provinciale, da gennaio a settembre 2020, sono stati consumati i seguenti reati:

· 182 atti persecutori (a fronte dei 205 registrati nel 2019);

· 255 maltrattamenti in famiglia (a fronte dei 275 registrati nel 2019);

· 33 violenze sessuali (a fronte delle 32 registrate nel 2019).

Dal 01 gennaio ad oggi, invece, il Questore ha disposto 8 ammonimenti (a fronte dei 5 registrati nel 2019).

L’ammonimento è una importante misura di prevenzione personale, che nasce con lo scopo di garantire alla vittima una tutela rapida ed anticipata rispetto alla definizione del procedimento penale: consiste nell’avvertimento, rivolto dal Questore allo stalker o al maltrattante, di astenersi dal commettere ulteriori atti di molestia o violenza domestica.

Contestualmente, l’ammonimento consente al Questore di adottare non soltanto misure che attengono alla detenzioni di armi, ma anche forme di sensibilizzazione di familiari e di intervento di altri uffici. In particolare, chi si rende responsabile di percosse o lesioni lievi, nell’ambito di violenza domestica, può essere ammonito non solo su istanza della vittima o di un testimone, ma, fatto particolarmente importante, anche su iniziativa della stessa Forza di Polizia, che può provvedere ad allontanare immediatamente il soggetto dall’abitazione dove si sono realizzate le condotte violente.

E’ importante sottolineare che i reati eventualmente commessi dopo l’ammonimento sono perseguiti anche senza la querela della parte offesa.

Inoltre, nel corso del 2020 sono stati disposti 10 allontanamenti dalla casa familiare da parte di agenti della Polizia di Stato, d’intesa con l’Autorità Giudiziaria.

Infine, gli omicidi.

A fronte dei 5 omicidi che si sono registrati dall’inizio dell’anno in provincia di Latina, soltanto uno è riconducibile a violenza di genere ed è quello registrato lo scorso 17 luglio ad Aprilia, allorquando un 48enne originario della Sicilia, incensurato, ha ucciso a colpi di pistola la moglie e si è poi suicidato sparandosi con la stessa arma.

Sotto l’egida della Prefettura, la Questura sta attivando protocolli d’intesa con i centri antiviolenza del territorio, per creare una “rete” che favorisca una sempre più profonda e capillare conoscenza dei fenomeni di violenza e, contestualmente, faciliti l’acquisizione di una maggiore fiducia ed affidamento da parte delle donne maltrattate nei confronti delle forze dell’ordine.