Scenografia, musica e professionalità all’insegna di Freddy Mercury e dei Queen, la band londinese che ha segnato la storia della musica mondiale.

Un evento quello che si svolgerà il 14 febbraio a Latina, presso l’auditorium del Liceo scientifico “G.B. Grassi” di Latina a partire dalle 21 che non mancherà di stupire.

La formula è di quelle che non possono lasciare indifferenti.

La musica rock dei Queen Tribute band, formata da Jordan Trey, alla voce, Giovanni Di Caprio, alle chitarre Eugenio Valente, voce e tastiere, Roberto Segala, alla batteria e Nick Valente, al basso, avranno quale cornice gli strumenti e la bravura dei Giovani Filarmonici Pontini diretti dal maestro, Stefania Cimino.

“Non si tratta di un esordio – spiega Stefania Cimino – perchè abbiamo già sperimentato questa formula e abbiamo sentito il calore, l’apprezzamento e il sostegno del pubblico. L’idea è nata davanti ad un caffè con Nick Valente, bassista della band, che tra l’altro ha scritto appositamente per noi la parte orchestrale, e insieme abbiamo costruito un percorso che giovedì ci vedrà di nuovo fianco a fianco”.

Il 14 febbraio, però, non vedrà solo il grande concerto della serata ma unirà un’iniziativa sotto il profilo formativo.

“Abbiamo deciso di dedicare la mattinata alle scuole e di fornire ai ragazzi, anche in relazione al film recentemente uscito “Bohemian Rhapsody” di Bryan Singer, un punto di vista diverso sulla storia dei Queen e di Freddy Mercury tra racconti, filmati, musica, parallelismi tra la realtà dei fatti e quelli portati in scena con il lungometraggio. Al progetto hanno aderito oltre al Grassi che ci ospita, anche il liceo Manzoni, il Galilei Sani, di Latina, e l’istituto comprensivo Gramsci di Aprilia”.

La scaletta prescelta comprende tutti i grandi successi dei Queen, da Bohemian rhapsody a We will rock you passando per Innuendo fino a We are the Champions attraverso una vasta gamma di musica, canzoni e melodie che fanno la storia della grande musica.

Una parte dell’introito della serata sarà devoluto in beneficenza all’associazione “LatinAutismo”.

“Abbiamno scelto questa associazione perchè ho incontrato i genitori, ho visto la loro determinazione e coraggio a sostegno dei propri figli per i quali vogliono creare un futuro migliore. Li abbiamo conosciuti – conclude la Cimino – a seguito di un’altra iniziativa che ci vede protagonisti in estate con un campus dedicato ai ragazzi in cui musica, sport e gioco si incontrano all’insegna della condivisione e della crescita”.

Sperimentazione e innovazione sono la rocetta alla base di questo spettacolo e di quelli che seguiranno.

“Portiamo sul palco un linguaggio musicale completamente diverso grazie al contributo di Nicola che ha svolto un lavoro meraviglioso. Il prossimo obiettivo è – conclude la Cimino – tornare con un concerto dedicato ai Beatles che si terrà il 7 marzo sempre al Grassi al fianco della “Let it Orchestral””.

Per chi voglia ascoltare la voce potente e realistica di Freddy Mercury unita alla magia della musica dei Giovani filarmonici pontini non resta che affrettarsi.

I biglietti sono quasi tutti esauriti.