Armando-Valiani
Il segretario regionale dell'Ugl Armando Valiani

Tre assi per rilanciare Latina.

Tre pilastri su cui far nascere una visione diversa di città.

Questa la proposta del coordinatore comunale della Lega a Latina, Armando Valiani.

Si tratta di urbanistica, sanità e infrastrutture.

Su questi si gioca la qualità della vita e il futuro della città e dei suoi cittadini.

“L’urbanistica è ferma e immobile, la marina che dovrebbe essere la nostra risorsa più grande è lasciata a sé stessa. Il rifacimento non esiste, se ne parla solo e nulla si fa, la portualità seppur inserita nel piano regionale dei porti – spiega Valiani – è scomparsa dal dibattito politico. L’amministrazione può e deve riorganizzare la propria politica urbanistica integrandola con le eventuali proposte, trasformandola in risorsa”.

Quello che la Lega vuole ricostruire è un dialogo con la città sulla scorta di quello stare tra la gente che non può avvenire solo durante la campagna elettorale.

“Emblematico il caso della Ztl che funziona solo nel weekend e in occasione di eventi particolari, così com’è oggi è inutile e dannosa, va ascoltato – continua Valiani – il grido d’allarme lanciato da commercianti e residenti”.

E poi, ovviamente, la sanità.

L’offerta sanitaria nel capoluogo e nella sua provincia fa acqua da tutte le parti.

L’ospedale di Latina è in costante emergenza, segnato da un pronto soccorso in perenne sovraffollamento.

Il tutto a discapito dei pazienti utenti costretti, spesso, a rinunciare alle cure per le lunghe liste di attesa o ad emigrare fuori dai confini provinciali e regionali.

“Anche se si tratta di un tema regionale, il sindaco e l’amministrazione non possono esimersi dall’intervenire per chiedere il rafforzamento del pronto soccorso e dell’intera struttura sanitaria del capoluogo che, soprattutto durante la stagione estiva, è inadeguata. Occorre l’incremento dell’organico e la presenza fissa di un pediatra che – spiega il coordinatore comunale della Lega – non debba dividersi tra il pronto soccorso e il reparto”.

Sulle infrastrutture la linea è tracciata.

Realizzazione della Roma – Latina e messa in sicurezza della Pontina sono le priorità.

“È vergognoso – conclude Valiani – che il primo cittadino e l’azienda privata non ascoltino le organizzazioni sindacali”. Il neo coordinatore della Lega a Latina ringrazia poi il sottosegretario Durigon e tutti gli esponenti del partito intervenuti”.