Il sindaco di Bassiano, Domenico Guidi, e la dirigente dell'Ic Pacifici Sezze-Bassiano Fiorella De Rossi

Una nota rivolta ai genitori dei ragazzi che si apprestano e si appresteranno a tornare a scuola. E’ quella a firma del preside dell’Istituto Pacifici Sezze – Bassiano, Fiorella De Rossi.

L’inizio delle attività didattiche inizierà in modo diverso per Sezze e per Bassiano. Mentre nel primo Comune  infatti, il suono della campanella è stato posticipato al 24 settembre 2020, per Bassiano le lezioni inizieranno domani, con orario ridotto e un ingresso, per la sola giornata di lunedì 14, alle 10:30 per tutti gli ordini di scuola.

“L’adozione di questo orario – spiega – per domani è dovuta principalmente al fatto che, a lavori edili terminati a ridosso dell’apertura, noi come scuola dobbiamo ancora allestire la segnaletica per la sicurezza. Lo faremo in corsa domani mattina. Speriamo di farcela e di poter accogliere così i nostri bambini e ragazzi con tutte le necessarie misure di prevenzione e protezione”.

La preside che nei giorni scorsi aveva sottolineato come posticipare la data di inizio della scuola non fosse altro che una scelta di buonsenso a fronte delle problematiche in corso per adeguarli alle normative anti Covid, torna ad evidenziare le criticità ancora in atto.

In particolare la mancata consegna in tempo utile dei banchi monoposto “ci costringe ad accogliere gli studenti in banchi biposto che non consentono il famoso distanziamento di un metro tra le rime buccali degli alunni, pertanto sarà necessario indossare la mascherina per tutto il tempo della permanenza in aula. Allora vi chiedo di informare ed educare i vostri figli al rispetto di quanto la scuola ha previsto, fate capire loro che il riguardo che avranno servirà a proteggere se stessi, i propri compagni e tutto il personale scolastico”.

Inoltre mancano, come in moltissime altre scuole della provincia e del Lazio, i docenti.

“Per la scuola secondaria di Bassiano, mancando tante cattedre, abbiamo risolto con un orario ridotto di 2 ore al giorno e con la presenza di docenti che, volontariamente, pur assegnati alle classi di Sezze, si recheranno nell’altro plesso. Speriamo che per il 24 settembre gli organici siano completi, altrimenti proprio per Bassiano potremmo avere seri problemi. Ma aspettiamo fiduciosi”.

In tutti i plessi è installata la segnaletica verticale e orizzontale da rispettare per gli ingressi, le uscite, le norme igieniche e quelle di prevenzione del rischio di contagio.

“Il ministero ha già consegnato un certo numero di mascherine per gli studenti e noi, a nostra volta, le consegneremo ai vostri figli fino ad esaurimento scorte. Ci hanno anche rassicurato su una distribuzione con cadenza settimanale, per cui dovremmo essere riforniti in numero sufficiente per una consegna quotidiana all’ingresso a scuola. Tuttavia, per precauzione, invitiamo i genitori a dare ai propri figli una mascherina personale, tanto devono comunque indossarla durante il tragitto. Senza mascherina non si entra a scuola”.

La ricreazione è contingentata. Previsti per le classi momenti diversi di inizio ricreazione. La merenda sarà consumata al banco e gli alunni dovranno avere cura di non scambiare nulla con i compagni, mentre l’utilizzo dei bagni sarà regolato dai docenti e controllato dai collaboratori scolastici per evitare affollamento nei corridoi e nei servizi stessi.

“Si richiede la massima collaborazione da parte di tutti. Non possiamo non prendere atto che purtroppo il numero dei contagi continua a salire, dunque è più che mai necessario essere prudenti e rispettosi di alcune regole fondamentali. Lo so, soprattutto per i più piccoli sarà ancora più difficile non poter abbracciare i compagni, le maestre, mantenere quella giusta distanza fisica in un luogo che, per sua stessa natura, è deputato alla socializzazione. Per i più grandi, in un’età in cui le regole a volte stanno strette, sarà difficile – conclude – soprattutto per gli operatori contenere la loro esuberanza. A voi, bambini e ragazzi, chiedo allora uno sforzo in più. Siate corretti, rispettate le indicazioni date e tutto questo, ci auguriamo a breve, sarà solo un brutto ricordo. Vi aspettiamo con gioia”.