Si entra in crisi quando un leader politico viene sottoposto ad uno stress non solo psicologico, ma anche quando il soggetto viene coinvolto in notizie che lo riguardano personalmente e che rischiano di minare il “bottino” del suo consenso elettorale.

Chi pensa che esista un vademecum per affrontare o superare in modo indolore la comunicazione di crisi, non sta fornendo una consulenza professionale. Se per sfortuna entriamo in un vortice/bufera che potrebbe ledere la nostra immagine bisogna trovare la soluzione giusta. Il buon senso vorrebbe non farsi travolgere da nessuna situazione di crisi, uscire indenni e a testa alta. Tanto può avere un giusto peso, annoverare nel proprio staff, consulenti professionisti come il team di Net in Progress.

In questi casi non bisogna farsi prendere dal panico, né affettare decisioni che potrebbero avere dei risvolti in grado di peggiorare ulteriormente la situazione.

Per prima cosa, bisogna valutare i rischi che la situazione ha causato, al fine di prepararsi a rilasciare una dichiarazione che ci metta al riparo, tirandoci fuori dalla situazione nella quale ci siamo cacciati, che sia per colpe proprie o attribuibili a consiglieri dello staff, in modo da limitare o, evitare, ulteriori danni reputazionali.

In questi casi, bisogna avere il coraggio (merce rara tra i politici o uomini delle istituzioni di oggi) e compiere delle scelte che ci mettano nella condizione di trasformare la crisi in un’opportunità, recuperando il consenso del nostro elettorato.

Però non bisogna sbagliare. E’ qui che entrano in gioco i consulenti del politico. E’ qui che si giocano la loro credibilità professionale. Alternativamente, l’unica scelta da fare, è cacciarli e affidarsi a dei veri e capaci consulenti che dimostrino tutta la loro comprovata expertise.

SI PUÒ PREVENIRE LA CRISI?

Domanda che, a noi della Net in Progress – agenzia di consulenza strategica – viene fatta spesso. La risposta è: certo che si può prevenire!

Ma non saprai mai, invece, quali danni provocherebbe se dovesse accadere.

Come ci comportiamo quando ci sentiamo minacciati dalle situazioni circostanti o dalla nostra insicurezza o incapacità di gestire il pericolo?

Avete mai sentito parlare della amigdala? E’ un complesso nucleare situato nella parte dorso-mediale del lobo temporale del cervello che gestisce tutte le emozioni ed, in particolare, la paura. Quando ci sentiamo in pericolo il nostro cervello attiva la sua parte più istintiva e primitiva.

Secondo i neurologi, l’amigdala stimola il nostro istinto più primitivo, quello che abbiamo ereditato dai nostri antenati primati. È quella parte di cervello che, in un tempo remoto, si attivava per permetterci di difenderci. Il nostro cervello non dimentica. L’emozione segnala al nostro cervello che c’è una situazione di pericolo e lo mette in allarme, attraverso l’amigdala, cercando di trovare la migliore soluzione per uscire indenni dalla crisi. Molti studiosi parlano di un vero e proprio “rapimento emozionale.”

Questo spiega, come detto, che quando ci troviamo sotto stress non si devono prendere decisioni importanti. Ma in politica non sempre questo è possibile. Noi della Net in Progress aiutiamo i politici, a redigere preventivamente un piano che tiene conto di alcuni punti imprescindibili, per evitare di trovarsi in momenti di crisi.

RISPONDERE ALLA CRISI IN PUNTI

Per riassumere ecco alcuni suggerimenti per uscire dalle difficoltà ed attivare una comunicazione di crisi:

  • Prevenire
  • Assumere dei veri professionisti
  • Preparare le migliori soluzioni per non trovarsi nelle situazioni peggiori
  • Pubblicare o rilasciare una dichiarazione

Net in Progress è sempre a vostra disposizione, contattateci per una prima consulenza gratuita!

info@netinprogress.com

Net in Progress – strategie di comunicazione