sabato 26 Novembre 2022

La Compagnia dei Lepini lancia progetto culturale da 120 mila euro

La Compagnia dei Lepini ha deciso di presentare all’attenzione della Regione Lazio, nello specifico alla Direzione regionale Cultura, Politiche giovanili e Lazio Creativo Area Servizi culturali e Promozione della lettura l’ambizioso progetto dal titolo: “La cultura fa sistema 2021. Simposi, mense, tavole, produzioni, protagonisti e saperi. Storia, arte e culture enogastronomiche nel territorio lepino”.

Lo scopo è quello di ottenere un finanziamento di 120mila euro grazie al quale mettere in campo diverse iniziative che, oltre a musei, biblioteche e archivi, coinvolge ben 31 operatori culturali e 17 professionalità esterne da settembre a dicembre 2021.

Tre mesi ricchi di eventi che interesseranno tantissimi comuni di entrambi i versanti dei Monti Lepini, quello della provincia di Latina e quello della provincia di Roma.

Il progetto, discusso e condiviso da tutti gli attori del “Sistema Territoriale Integrato dei Monti Lepini”, già dal titolo punta a comprendere tutte le azioni che verranno adottate dal sistema (eventi, spettacoli, mostre, manifestazioni culturali, attività divulgative e di ricerca) aventi come filo conduttore la tematica del cibo del territorio, con un particolare riferimento alla felice contingenza della ricorrenza dantesca.

Gli obiettivi sono quelli di rafforzare l’offerta culturale, mettendo a sistema gli istituti presenti attraverso nuove attività di promozione e valorizzazione integrate, generando così un nuovo patrimonio culturale territoriale che, per qualità e quantità offerta, attragga e soddisfi una vasta platea di utenti, cittadini e turisti, combinando virtuosamente la ricerca scientifica, la divulgazione, attività formative ed educative per pubblici diversi, l’utilizzo delle nuove tecnologie in rete e una adeguata strategia di marketing.

Per fare tutto questo, non c’è forse tematica più interdisciplinare e attrattiva allo stesso tempo del cibo che quest’anno si è deciso di integrare con la figura di Dante Alighieri, che a questo si ricollega come metafora sapienziale, al pari del viaggio, verso la conoscenza o sarebbe meglio dire in questo caso “canoscenza”. Il cibo è cultura nella storia dell’uomo; materiale e immateriale, spirituale e scientifica, di ispirazione artistica.

“Questa cultura – ha spiegato il presidente della Compagnia dei Lepini, Quirino Briganti – ha prodotto storie, vicende, testimonianze archeologiche e culturali, scoperte e conoscenze scientifiche, arte e letteratura. Il cibo inoltre lascia il suo mero ruolo di nutrimento e si riveste di significati, riti e simboli. Tutto ciò è un esempio di come esso sia da sempre importante nella vita dell’individuo e in ogni aspetto delle varie società. La conoscenza della cultura del cibo è allo stesso tempo un elemento che contribuisce alla conoscenza della cultura della storia dell’uomo e dell’evoluzione naturale del pianeta”.

“Con il nostro progetto – conclude Briganti – cerchiamo di appagare, per quanto possibile, l’anima e il corpo, attraverso proposte di iniziative culturali ispirate a Dante e il cibo nel territorio lepino attraverso convegni, seminari, eventi tematici, attività educative per bambini e itinerari turistici che fanno riferimento all’insieme delle proposte di tutto il sistema, contribuendo a definire una “trama” progettuale coesa ed integrata”.

Katiuscia Laneri
Giornalista pubblicista dal 1997. Conduttrice, scrittrice, videoreporter pluripremiata e pioniera dei new media. E' stata, tra le altre esperienze, fornitore di servizi per RAI TgR e corrispondente freelance per diverse testate e agenzie nazionali, anche da teatri di guerra quali Afghanistan, Libano e Kosovo. Esperta di economia turistica con la passione per le produzioni televisive.

CORRELATI

spot_img
spot_img