venerdì 14 Giugno 2024
spot_img

Kyklos, dopo un anno e mezzo dissequestrato lo stabilimento dove morirono due operai

E’ stato dissequestrato lo stabilimento Kyklos di Le Ferriere tra Aprilia e Nettuno, a un anno e mezzo dall’incidente che è costato la vita a Fabio Lisei e Roberto Papini. I due operai, appartenenti ad una ditta esterna, si stavano occupando di un carico di percolato, un’operazione considerata di routine quando sono stati investiti dalle esalazioni.

L’impianto tratta solo ed esclusivamente rifiuti organici, derivanti dalla parte umida di rifiuti prevalentemente provenienti da famiglie e scuole” aveva precisato Acea, che gestisce lo stabilimento, all’epoca dei fatti. “Mai nessuna irregolarità è stata riscontrata. Questo perché Kyklos è un impianto tecnologicamente avanzato, trasparente e rispettoso dell’ambiente, oltre che parte fondamentale del ciclo di smaltimento dei rifiuti per tanti cittadini”.

Adesso, a sedici mesi da quel tragico 28 luglio, il giudice ha disposto di togliere i sigilli all’impianto che adesso tornerà in funzione e si dovrà occupare di smaltire prima il compost presente e poi potrà riprendere il conferimento.

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img