Si parla soltanto di danni alla salute dopo l’incendio che ha distrutto la Eco X a Pomezia ma gli agricoltori devono affrontare conseguenze economiche immediate. A lanciare l’allarme è il direttivo dell’Aspal Lazio che interviene sul disastro che ha colpito i coltivatori dopo il gelo del mese scorso.

“Ci teniamo a ricordare – ha dichiarato il presidente Aspal, Stefano Giammatteo – che nelle zone interessate intorno al rogo di Pomezia ci sono tantissime colture di estremo pregio, riguardanti tanti comparti produttivi coltivati con cura e passione dai nostri agricoltori. Adesso chi risarcirà i nostri agricoltori per i danni diretti e indiretti, che hanno subito da questa gravissima negligenza?”.

L’allarmismo di questi giorni ha creato inoltre tantissima paura ed insicurezza nei consumatori che hanno, di fatto, preferito non acquistare i prodotti freschi nei mercati stagionali e rionali gestiti dai produttori agricoli locali.

 L’Aspal chiede che vengano identificati i responsabili di questo disastro.