sabato 24 Febbraio 2024
spot_img

“Impresa” fa grande l’imprenditoria pontina

La giovanissima associazione di imprese, guidata dal presidente Giampaolo Olivetti e da Saverio Motolese, ha fatto passi da gigante.

Ha vinto una scommessa con il presente, proiettandosi a testa alta verso il futuro, puntando sulla coesione e sulla qualità dei servizi erogati alle aziende che hanno scelto di rinnovarsi all’insegna di un’innovazione prima di tutto culturale.

Una struttura snella, determinata, dove la burocrazia lascia il posto alle idee, al confronto, alla collaborazione.

Nella splendida cornice dell’azienda agricola biologica di Marco Carpineti a Cori, in un incontro dal tema “Sei Impresa, l’associazione ha compiuto un nuovo passo avanti sul terreno dello sviluppo.

Il numero delle aziende pontine che hanno deciso di aderire ad “Impresa – Associazione dell’Industria e delle Piccole e Medie Imprese” è cresciuto in modo esponenziale nell’arco di poco tempo passando in una manciata di mesi da trenta a 45 soci fondatori.

“Il tema di questo incontro – ha spiegato Saverio Motolese – non è casuale. “Sei” perché è da sei mesi che abbiamo scelto di scendere in campo rivoluzionando di fatto il mondo dell’associazionismo ampliandone lo spazio dall’interno senza imposizioni ma crescendo sulla scorta di uno spirito di collaborazione che resterà sempre il nostro tratto distintivo”.

I dati vengono snocciolati.

Le date sono segnate.

I prossimi step già delineati.

Un punto importantissimo, sotto il profilo della qualità e dell’efficienza, “Impresa” lo ha raggiunto il 13 dicembre 2018.

In questa data è stata siglata, infatti, l’adesione a Confcommercio – Imprese per l’Italia Lazio Sud, diramazione della Confederazione Generale Italiana delle Imprese, la più grande rappresentanza sul territorio nazionale e europeo delle attività professionali e del lavoro autonomo con oltre 700.000 imprese associate.

Impresa è nata, infatti, dalla volontà degli imprenditori con l’obiettivo di veicolare le proprie energie per unire, condividere, costruire e crescere all’insegna dell’altissima qualità del mondo imprenditoriale targato Made in Italy.

Con la stipula dell’accordo tra il presidente Giovanni Acampora, Confcommercio – Imprese per l’Italia Lazio Sud e Giampaolo Olivetti, Impresa, le due associazioni hanno avviato un rapporto di collaborazione, promuovendo ogni più ampia e possibile sinergia per la realizzazione di azioni comuni dando voce ai propri associati all’interno delle massime istituzioni italiane.

Il presidente Olivetti ha colto l’occasione per ringraziare tutti imprenditori presenti, il presidente di Confcommercio – Imprese per l’Italia Lazio Sud, Giovanni Acampora e Salvatore Di Cecca, direttore regionale di Confcommercio Lazio, “per aver creduto in una scommessa che farà grande anche il tessuto imprenditoriale pontino”.

Il messaggio forte e chiaro emerso nel corso dell’incontro è stato che il passato è definitivamente archiviato.

Le parole d’ordine sono, come emerso in un coro unanime da parte di tutti i presenti, coesione, passione per il proprio lavoro e voglia di rimboccarsi le maniche per crescere.

“Voglio ringraziare – ha spiegato nel suo intervento il presidente Acampora – tutti coloro che, a partire dai vertici di “Impresa” hanno creduto nella forza di un progetto collegiale e lo hanno fatto con tutti gli imprenditori presenti, arricchendo il panorama imprenditoriale della provincia di Latina senza farsi spaventare da chi pensava, anche strumentalmente, che si trattasse di una follia stando il momento di grave crisi per le imprese pontine. Oggi, qui, abbiamo dimostrato che quei molti si sbagliavano”.

L’incontro si è concluso con una visita dell’azienda di Marco Carpineti che si è affermata a livello nazionale ed internazionale puntando sulla qualità dei propri prodotti.

Marco Carpineti, da ottimo padrone di casa, ha spiegato le ragioni alla base di una scommessa, quella contenuta nella produzione biologica di vino e ed olio, e di una azienda che in una manciata di decenni ha conquistato i mercati mondiali, fatta eccezione per l’Africa, aumentando gli ettari di terreno messi a produzione, passati da 4 a 100 ettari, facendo apprezzare le proprie eccellenze, tra cui spicca lo spumante prodotto con metodo tradizionale.

“Impresa” c’è, ed è pronta a stupire.

Francesco Miscioscia
Francesco Miscioscia
Francesco Miscioscia consulente di Marketing strategico nell’ambito della comunicazione politica ed istituzionale da oltre 35 anni. Master in Marketing internazionale – Politiche di Marketing, ricerche di mercato, modalità di penetrazione sui mercati esteri ed internazionalizzazione delle imprese.

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img