venerdì 9 Dicembre 2022

Il programma del fare… chiacchiere!

di Alessandro Cozzolino – Quando ci sono le elezioni ogni schieramento politico e ogni candidato sindaco presentano il proprio programma elettorale, sul quale chiedono la fiducia ai cittadini e sul quale dopo andrebbe verificato il loro operato. Fin qui tutti d’accordo, ma chi ha letto il programma del sindaco Di Giorgi (almeno il suo visto che ha vinto)?

Io, passata più della metà della consiliatura, sono andato a vedere i punti realizzati… Ho scoperto, senza molto stupore a dire il vero, che sono notevolmente di più non solo quelli ancora irrealizzati, ma addirittura quelli per i quali non è stato prodotto un singolo atto o di cui non se ne è mai neanche parlato nelle sedi deputate.

Visto che argomentare punto per punto renderebbe questo articolo davvero lunghissimo mi limiterò di seguito a fare l’elenco, ripreso pari pari dal programma dell’attuale sindaco, di progetti per i quali non si è fatto neanche il primo passo:

– Istituzione del Servizio Civile Comunale attraverso un piano di impiego per giovani fra i 18 ed i 25 anni;

– Programma di assistenza domiciliare che agevoli le famiglie con anziani e persone in difficoltà, utilizzando anche l’Albo delle Badanti, mettendo in piedi il telesoccorso e sostenendo forme di consegna a domicilio della spesa di prodotti alimentari, assistenziali e medicinali;

– Daremo vita ad una rete di solidarietà per il “Dopo di Noi”, per garantire un futuro dignitoso ai portatori di gravi handicap, una volta venuto meno il sostegno della famiglia;

– Realizzeremo  case albergo per gli anziani e per gli over 65;

– Apertura di un centro di assistenza altamente qualificato per le persone non vedenti;

– MELA PARK ( Multimedia Eventi Laboratori Artistici ), una cittadella alle porte della città che ospiterà uno spazio per gli eventi;

– Laboratori di produzione artistica;

– Il Nuovo Conservatorio;

– Un Centro Multimediale;

– Una Vetrina per le imprese del territorio;

– Spazi nel verde per gli sport minori;

– Realizzeremo per il  tempo libero luoghi dinamici ed accoglienti;

– L’installazione di “telecamere di quartiere” e saranno istituiti Vigili di Quartieri per la sicurezza nelle strade, nei parchi, nei punti gioco dei bambini e nelle aree interessate dalla “movida”;

– Verranno riattivate le Terme di Fogliano e si studierà la possibilità di creare un Parco archeologico sottomarino e un Museo del Mare;

– Verrà creato un polo tecnologico (Tecnopolo Pontino).

Per quanto io sia di natura ottimista mi pare abbastanza difficile che questa amministrazione riesca a portare a termine tali progetti calcolando che non ha ancora neanche iniziato a discuterne.
Tra 2 anni saremo chiamati a scegliere non su simpatie personali, ma se siamo soddisfatti o meno di come viene amministrata la nostra città e se le cose raccontate cinque anni prima possono essere catalogate come fatti accaduti o come promesse non mantenute. Il bilancio finale lo aggiorneremo a fine consiliatura.

CORRELATI

spot_img
spot_img