sabato 13 Luglio 2024
spot_img

il Presidente della Repubblica Mattarella omaggia Satnam Singh: “Fatto estraneo alla civiltà”

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella dice la sua contro una forma di lavoro “che si manifesta con caratteri disumani” come il caporalato.

Il presidente non è rimasto in silenzio dopo la morte di Satnam Singh a Latina. “Lo sfruttamento del lavoro dei più deboli e indifesi, con modalità e condizioni illegali e crudeli – ha detto – è un fenomeno che, con rigore e fermezza, va ovunque contrastato, eliminato totalmente e sanzionato, evitando di fornire l’erronea e inaccettabile impressione che venga tollerato ignorandolo”.

Il bracciante indiano abbandonato senza un braccio davanti casa dal proprietario dell’azienda dove lavorava, a Latina, “vedendosi rifiutare soccorso e assistenza, dopo l’ennesimo incidente sul lavoro”. Un fatto grave ed estraneo a un Paese di grande civiltà, che Mattarella mette in contrapposizione al valore della solidarietà, che è invece un valore che fa parte dell’identità stessa dell’Italia.

E a Latina sindacati e opposizioni si sono dati appuntamento ieri pomeriggio contro il caporalato, lo sfruttamento e il lavoro nero.
La speranza ora è che dalle parole si passi ai fatti e che chi non ha soccorso Satnan paghi duramente per quello che ha fatto.

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img