Elezioni che vai.

Sondaggi che trovi.

La crisi di governo ha scatenato i sondaggi.

L’ultimo, quello elaborato da Noto sondaggi per Raiuno.

Il dati sottolineano  il primato della Lega che continua a crescere e raggiunge il 38% dei voti degli elettori.

Quasi quattro punti in più rispetto al 34,3% raggiunto alle europee 2019.

Fratelli d’Italia non molla e passo dopo passo rosicchia nuovi consensi e si attesta all’8%.

Il partito della meloni a maggio aveva raggiunto il 6,4% ed ora ha ribaltato i sondaggi superando di quasi due punti il partito di Berlusconi.

Forza Italia, infatti, compici i dissidi interni e la spaccatura con addio conclamato di Toti, scende al 6,5%.

Il centrodestra unito vola al 52,5% dei consensi.

Numeri che hanno mandato in tilt sia i 5 Stelle che il Pd.

I grillini sono scesi al 16,5% mentre i dem sono al 23% con un più 0,2% rispetto alle risultato delle europee.

Uniti non andrebbero oltre il 40% e non avrebbero i numeri per governare.

Numeri che riportati a livello regionale, nel Lazio, darebbero per spacciato il leader del Pd e governare uscente Nicola Zingaretti.

Fratelli d’Italia, infatti, è proprio nel Lazio che ha la sua maggiore roccaforte.

In questi mesi il partito ha continuato a lavorare, dopo aver superato la prova europee, sui territori.

In provincia di Latina, sotto la guida del vice coordinatore regionale Enrico Tiero e dei vertici locali il partito continua a segnare nuove adesioni anche tra gli amministratori locali.

La Lega avanza, capeggiata da Claudio Durigon e Francesco Zicchieri, sull’onda dell’entusiasmo.

Il Pd affonda a causa degli intrighi in Comune che vedrebbero prossima l’entrata nella giunta Coletta di due esponenti dem.

L’onda sovranista, con un’alleanza Lega – Fratelli d’Italia non darebbe, stando i numeri di oggi, scampo a possibili avversari.