Goretti
L'ospedale Santa Maria Goretti di Latina

Una buona notizia per Latina e la sua provincia.

Chiusa la fase di commissariamento che, per 11 anni, ha incatenato la sanità impostando ogni azione da parte della regione su taglia di strutture, personale e posti letto, si dovrebbe aprire una nuova fase.

Ad esserne certo l’assessore regionale alla sanità, Alessio D’Amato.

L’annuncio è stato fatto in consiglio regionale oggi durante l’informativa sull’uscita dal commissariamento.

“La Regione Lazio guarda al futuro pensando a nuovi ospedali, alle assunzioni di medici e di infermieri e con una attenzione puntuale all’assistenza sul territorio. I piani operativi 2019-2021 guardano dunque a potenziare la rete per rispondere ai bisogni della popolazione. Particolare attenzione – spiega D’Amato – sui nuovi ospedali che verranno realizzati nei prossimi anni”.

Quindi nuovo ospedale del Golfo per quanto riguarda l’area sud della provincia pontina e il nuovo ospedale di Latina.

“Previsto nella programmazione anche il nuovo ospedale di Amatrice e il nuovo ospedale di Rieti, e ancora nel comune di Tivoli adiacente il comune di Guidonia l’ospedale sulla Tiburtin. 56 milioni di euro saranno destinati al Grassi di Ostia mentre per l’ampliamento e alla messa in sicurezza del Pertini di Roma saranno investiti 25 milioni”.

Tutti obiettivi importanti ed ambiziosi per ora sulla carta.

Il nodo per la regione Lazio resta quello di non cadere di nuovo nel baratro del deficit sanitario evitando di fare il passo più lungo della gamba.

Sono tanti, inoltre, a partire dallo stato di emergenza in cui versano i pronto soccorso e le liste di attesa, i nodi ancora da sciogliere.

Bene programmare il futuro ma la priorità dovrebbe rimanere quella di affrontare e risolvere le criticità del presente.

“Aumentare la quota capitaria deve essere il prossimo obiettivo – commenta il consigliere regionale del Pd, Enrico Forte – da raggiungere. Più soldi stanziati per ogni cittadino pontino, vuole dire migliorare le prestazioni e le cure che possono essere offerte in ambito pubblico. Per questo invito formalmente il presidente della conferenza dei sindaci di Latina a dare seguito a quanto già richiesto mesi fa affinchè si possa dare il via in maniera concreta e condivisa ad una interlocuzione con la Regione per aumentare le risorse economiche destinate alla provincia di Latina”.