domenica 29 Gennaio 2023

Il ministro Salvini in visita a Latina: “Mi avete dato compiti da fare. Ci rivediamo quando li avrò fatti”

Ospite della Camera di commercio Latina Frosinone, oggi a Latina è arrivato il vice premier e Ministro delle Infrastrutture Matteo Salvini.

All’incontro organizzato presso la sede camerale di in via Umberto, a Latina, hanno partecipato le alte cariche cittadine, il commissario ed il prefetto, gli esponenti del partito, Miele, Durigon e Adinolfi, oltre al padrone di casa, il presidente Giovanni Acampora. Inoltre, presenti in sala, oltre alla stampa, anche il comandante provinciale dei carabinieri, D’Aloia, Raffaele Gargiulo, Questore della provincia di Latina, e molti imprenditori e politici arrivati da tutta la provincia per ascoltare le parole del ministro.

Dopo una breve introduzione, coi saluti delle autorità locali, a Salvini è stato presentato il dossier realizzato dalla Camera di commercio che riguarda i bisogni infrastrutturali delle due province, a comunicare dall’autostrada Roma-Latina, proseguendo per la bretella Cisterna-Valmontone ed altri interventi che riguardano anche il territorio ciociaro.

“Grazie per il dossier che prendo ‘gratuitamente’ come consulenza per il ‘Mit’, perché ho visto essere ben documentato”. ha commentato il Ministro della Lega, che ha poi proseguito: “Qualsiasi contributo da enti locali, territori e categorie è bene che arrivi adesso. Tra Pnrr e fondi complementari al Ministero abbiamo 60 miliardi di euro e l’obiettivo è che non restino sulla carta. Se entro il 31 marzo avremo un nuovo codice dei Contratti pubblici sarà più semplice lavorare, velocizzando e sburocratizzando. Appalti più veloci e cantieri più veloci per qualcuno rischiano di essere meno trasparenti, secondo me è vero l’esatto contrario. La velocità, garantendo la trasparenza, è sinonimo di efficienza. Non solo Latina e Frosinone tra i dossier di questi tre mesi, è stato fatto molto altro. Ma per quanto riguarda i numeri delle vostre province, leggendo un po’ di rassegna stampa, vedevo articoli che davano apertura cantieri nel 2010 e chiusure entro il 2016/2017, capisco bene che ci sia sfiducia dopo tutti questi anni. Ma io penso che quelli che ci attendono saranno gli anni del vero rilancio. Guardando ai grandi eventi in programma, saranno 5/7 anni che potranno essere un vero volano. I soldi del Pnrr andranno ben spesi e, per farlo, il Mit ha il dovere di ascoltare i territori e le comunità. Ci sono diverse priorità e vanno bene i dibattiti ma poi deve essere messa la parola ‘fine’ e bisogna agire. Io direi che sulla Roma Latina e sulla Cisterna Valmontone il dibattito sia stato ampio, lungo e democratico. Ora, per quello che mi riguarda, si parte. La prossima volta verrò con i Commissari ad inaugurare i cantieri. Anche se poi bisognerà andare avanti e guardare alle prossime priorità, quello che è già pronto deve essere cantierato”. 

A concludere i lavori le istanze dei rappresentanti del mondo imprenditoriale, associativo e sindacale presentate al Ministro Salvini che ha raccolto con particolare attenzione gli input rispondendo con i dati in suo ‘possesso: “Le richieste sono tante, diamoci delle priorità. Quello che serve verrà fatto. Mi porto via un po’ di ‘compiti a casa’, ci rivedremo dopo lo svolgimento di alcuni di questi”.

CORRELATI

spot_img
spot_img