Lo sfruttamento delle energie alternative rappresenta una delle soluzioni più efficaci per arginare l’inquinamento ambientale. Bisogna sostituire i combustibili fossili, usati finora per creare energia, con fonti diverse e non inquinanti. Una di queste fonti è il sole che, grazie alle celle fotovoltaiche dei pannelli solari, può fornire elettricità senza inquinare il pianeta. Scegliere un impianto che sfrutta le energie rinnovabili dà la possibilità di rispettare l’ambiente e, allo stesso tempo, di risparmiare sui costi in bolletta. Farlo non è difficile, data la presenza crescente di fornitori specializzati in fotovoltaico, come ad esempio Green Network Energy. Vediamo insieme quali sono i vantaggi di fare una scelta di questo tipo.

Alla scoperta del fotovoltaico

Produzione di energia elettrica per gli usi domestici

Chi possiede un impianto fotovoltaico può produrre energia elettrica per il proprio appartamento. I pannelli infatti, una volta che vengono installati, trasformano i raggi solari in energia e la incanalano verso l’impianto di casa. Ciò vuol dire che per fare funzionare il frigorifero o la lavastoviglie sarà usata l’energia che viene autoprodotta, facendo risparmiare sui consumi. Una cosa che, ovviamente, si potrà fare quando l’impianto è in funzione e cioè quando è illuminato dal sole.

L’impianto fotovoltaico aumenta il valore dell’immobile

Un appartamento che sia dotato di un impianto fotovoltaico, vale di più di uno senza. Infatti, siccome il fotovoltaico rappresenta un miglioramento energetico del proprio appartamento, questo passa automaticamente alla classe energetica superiore e viene valutato di più. Una valutazione aggiuntiva che servirà a metterlo sul mercato ad un prezzo più alto, qualora lo si volesse vendere, oppure ad aumentare il tetto massimo della richiesta di mutuo se lo si ipoteca a garanzia del prestito.

L’energia creata con un impianto fotovoltaico si può vendere

Quando l’impianto fotovoltaico funziona produce energia che può essere usata in casa, ma può anche essere venduta ad enti, che la rivenderanno ad altri utenti. Basta attivare al momento della installazione dei pannelli la formula SSP, che vuol dire Scambio Sul Posto e l’energia prodotta viene scaricata nei fili dell’elettricità e girati a qualcun altro. Una scelta che frutta dei soldi che vengono accreditati sul conto corrente o detratti dalla cifra da pagare sulla bolletta.

L’energia creata con un impianto fotovoltaico si può conservare

Quando l’impianto fotovoltaico non funziona, come la notte, ad esempio, o nelle giornate in cui il cielo è coperto dalle nubi, si usa la corrente elettrica e il contatore gira. Se si montano le batterie e si immagazzina l’energia prodotta durante il giorno, ad ogni modo, la si può sfruttare di notte alimentando l’impianto domestico. Questo è un altro vantaggio molto importante perché permette di sfruttare l’impianto anche quando non produce. Ovviamente, se l’energia prodotta in eccesso viene conservata nelle batterie, non la si può immettere nella rete pubblica e vendere.