mercoledì 24 Luglio 2024
spot_img

Il Comune di Formia sottoscrive il protocollo “Comuni amici delle tartarughe marine”

Anche Formia si aggiunge ai comuni costieri amici delle tartarughe marine che stanno diventano sempre meno rare sulle nostre coste grazie all’aumento delle temperature marine.

L’amministrazione comunale di Formia guidata dal sindaco Gianluca Taddeo ha approvato il protocollo d’intesa “Comuni amici delle tartarughe marine”, azioni di conservazione finalizzate alla tutela della specie “Caretta caretta”. Il progetto ‘Life Turtlenest’, coordinato da Legambiente e realizzato con il contributo del programma Life dell’Unione Europea, nasce proprio per tutelare gli habitat di nidificazione per aumentare il successo riproduttivo della specie. E in questo scenario è molto rilevante il ruolo dei balneari, fondamentale per la segnalazione e messa in sicurezza dei nidi, ma anche per mantenere l’habitat idoneo alla nidificazione, nonché per informare e sensibilizzare l’opinione pubblica. Un fenomeno positivo ma anche molto delicato e che richiede grande attenzione per via dell’aumento delle temperature, legato al cambiamento climatico, che ha ampliato l’areale di nidificazione di questa specie nel Mediterraneo (Italia, Francia e Spagna).

Per questo motivo, Legambiente e Federazione italiana imprese balneari (FIBA – Confesercenti) hanno firmato un protocollo d’intesa per tutelare le tartarughe marine che nidificano sui litorali italiani e “si impegnano a collaborare per l’attuazione di un programma comune, che prevede l’adozione di un codice di condotta, rivolto agli stabilimenti balneari per una corretta gestione delle spiagge e finalizzato alla tutela delle tartarughe marine e dei loro nidi”.

L’adesione al protocollo impegna gli imprenditori balneari a promuovere iniziative di formazione per gli addetti alla pulizia degli arenili al fine di poter individuare e riconoscere delle tracce di tartaruga marina e le regole da adottare in caso di presenza di nidi o di piccoli; diffondere le informazioni corrette ai turisti sui comportamenti più idonei da adottare per non danneggiare nidi e non spaventare o confondere con luci o rumori eccessivi gli esemplari in cerca di un luogo appartato; distribuire materiale informativo sulle tartarughe marine oltre che predisporre progetti locali, nazionali e comunitari per la tutela delle tartarughe marine.

Tra le città aderenti c’è anche Formia, che verrà insignita del titolo di ‘Comune amico delle tartarughe marine’ e riceverà una bandiera da esporre a dimostrazione dell’impegno assunto a proteggere questi straordinari animali, simbolo della biodiversità marina e che sarà inserito nell’ambito della lodevole iniziativa ‘Pledge4seaturtles’, volta a promuovere l’assunzione di alcuni semplici impegni al fine di rendere le spiagge accoglienti e curate, oltre che per i turisti, anche per le tartarughe marine.

“Siamo orgogliosi di aderire al protocollo d’intesa ‘Amici delle tartarughe marine’ – sottolinea il sindaco Gianluca Taddeo – e di essere stati riconosciuti come Ente fondamentale per mantenere la specie nel suo attuale stato di conservazione se non addirittura, per contribuire a migliorarlo, incentivando giornate civiche con la partecipazione attiva dei cittadini, limitare le emissioni luminose e rumorose in orario notturno, informare gli imprenditori balneari sulla tutela dei siti di nidificazione della tartaruga, stando attenti al posizionamento di lettini e ombrelloni”.

“Un’occasione importante per il nostro Comune finalizzata al rispetto di alcune direttive fondamentali come ad esempio il divieto di sosta e transito sulle spiagge per i mezzi a motore, il divieto di accensione di fuochi e falò, il monitoraggio relativo all’abbandono di rifiuti, nonché il divieto di interventi di sbancamento e spianamento delle dune che possano minare l’integrità dell’intero ambiente costiero”, osserva l’assessore alle Politiche Ambientali, Eleonora Zangrillo.

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img