Il 1° maggio di Cgil, Cisl e Uil: al circolo cittadino il dibattito sul lavoro che manca

Cgil-Cisl-Uil-Latina-1-maggio

Tempo di bilanci per Cgil, Cisl e Uil all’indomani della manifestazione “Lavoro, le nostre radici, il nostro futuro” che si è svolta in occasione del 1° maggio presso il circolo cittadino di Latina. Insieme ai sindacati c’erano anche Federlazio, Confcommercio, Conferesercenti, e Confagricoltura.

È stato un primo maggio di protesta ma anche di proposte su come affrontare il problema della mancanza di lavoro. La manifestazione che alternava il dibattito alla musica è stata presentata dai tre segretari Anselmo Briganti, Roberto Cecere e Luigi Garullo che hanno ricordato l’impegno quotidiano del sindacato in particolare in una provincia difficile come Latina. Ad ascoltarli anche il sindaco Damiano Coletta, che a sua volta ha fatto presente gli sforzi che sta facendo l’amministrazione per rispondere al problema occupazione. Un dramma che richiede la collaborazione di tutti.

“Come sindacati confederali abbiamo voluto fortemente questa iniziativa – ha dichiarato il segretario CISL Roberto Cecere – perché dobbiamo tenere alti i riflettori e l’attenzione sulla problematica del lavoro che manca, facendo nostre, anche le parole del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che, proprio ieri, ha ricordato, ancora una volta, come bisogna rispondere con interventi urgenti e concreti al senso di frustrazione e solitudine dei nostri giovani, facendo diventare il tema del lavoro, della sua stabilità e della sua sicurezza la principale priorità del paese”.

SHARE