domenica 7 Agosto 2022

I resti ritrovati a Foce Verde a Latina non sono umani, la Procura fa chiarezza

Arrivano dai laboratori della scientifica di Tor Vergata i risultati delle analisi sugli organi ritrovati in mare a Foce Verde a Latina il 21 e il 22 giugno scorso. La Procura della Repubblica di Latina rassicura che non si trattano di fegato e rene di origine umana.
I due organi ritrovati in mare, ad un giorno di distanza, uno scoperto da un’operatrice di una colonia estiva, l’altro proprio da un bambino che stava facendo il bagno, hanno lasciato per giorni un clima di sgomento e mistero sulla loro provenienza.
Appena fatte le scoperte gli agenti della Guardia Costiera del Circomare di Rio Martino, sotto la direzione del sostituto procuratore di Latina Daria Monsurrò, sono stati celerissimi nel recupero delle frattaglie e nel loro invio ai laboratori della scientifica.
“In relazione al rinvenimento di organi avvenuto nei giorni scorsi – scrive in una nota il Procuratore Capo Giuseppe De Falco – sul litorale di Latina, i risultati preliminari degli accertamenti di biologia molecolare, nonché di natura anatomo patologica, disposti da questo Ufficio consentono di escludere che si tratti di organi umani. Sono peraltro in corso accertamenti ulteriori“.
Per gli agenti, però, rimane ora da indagare sul reato di smaltimento illecito di scarti animali.

CORRELATI

spot_img
spot_img