martedì 29 Novembre 2022

Giornata contro l’omofobia, bandiere arcobaleno esposte dal Comune di Latina

Oggi, 17 maggio, è la giornata internazionale contro l’omotransfobia e diversi comuni della Regione Lazio, tra cui Latina, Norma e Aprilia, esporranno la bandiera arcobaleno sui propri municipi. La bandiera rainbow è il simbolo della lotta alle discriminazioni verso gli LBTB, lesbiche, gay, bisex e trans.

Il 17 maggio è la data in cui nel 1990 venne cancellata l’omosessualità dal registro delle malattie mentali da parte dell’Organizzazione Mondiale delle Sanità. “Nonostante questo – dicono Marilù Nogarotto di Arcigay SeiComeSei, Fabrizio Marrazzo di Gay Center e Aurora Marchetti di Azione Trans – è necessario continuare a lottare nel Lazio, in Italia e nel mondo, dove i fatti ceceni, che narrano dell’apertura di campi di concentramento per gay, mostrano uno scenario inquietante”.

L’iniziativa della bandiera Rainbow è stata promossa da Lazio Pride, la manifestazione che anche quest’anno si svolgerà a Latina il 24 giugno.

“Abbiamo voluto raccogliere l’invito ad esporre la bandiera arcobaleno – ha sottolineato il Sindaco di Latina Damiano Coletta – per ribadire l’attenzione di quest’Amministrazione nel promuovere le pari opportunità e quanto è importante sensibilizzare la comunità sul tema delle discriminazioni per orientamento sessuale. Con l’istituzione del Registro delle unioni civili, avvenuta lo scorso settembre, è stato compiuto un passo significativo per il riconoscimento di tutte le unioni e per la piena attuazione della Costituzione. Oggi, attraverso un piccolo gesto simbolico, vogliamo richiamare l’impegno, condiviso da molte altre città italiane, contro le violenze e le esclusioni, a favore del rispetto e del diritto di ognuno di essere felice”.

“Questa Giornata nasce nel 2004 – ha detto l’assessore alle Pari Opportunità Patrizia Ciccarelli – Da allora sono stati fatti tanti passi avanti, ma molto c’è ancora da fare e penso ai fenomeni di bullismo nelle scuole o alle recenti persecuzioni in Cecenia. La sfida culturale resta aperta. La Giornata di oggi è importante per l’affermazione dei diritti civili di tutti e di tutte, un’occasione di riflessione e per rinnovare l’impegno per il contrasto alla violenza di genere!”.

CORRELATI

spot_img
spot_img