Dopo 4 mesi di detenzione nel carcere di Rebibbia, a Roma, Gina Cetrone è stata scarcerata.

L’istanza presentata dall’avvocato Lorenzo Magnarelli è stata accolta.

Devono ancora pronunciarsi sul quadro cautelare sia il Tribunale della libertà in sede di appello cautelare che la Corte di Cassazione.

L’imprenditrice di Sonnino è accusata di associazione per delinquere di stampo mafioso ed estorsione insieme all’ex marito Umberto Pagliaroli e ad Armando Di Silvio, detto Lallà e ai due figli Gianluca e Samuele

Era finita in manette, il 29 gennaio 2020.

Gli agenti della squadra mobile di Latina avevano dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa il 28 gennaio 2020 dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Roma, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma avanzata il giorno 9 Ottobre 2019.