Gaeta, successo per il Festival dei Giovani: oltre 20 mila studenti da tutta Italia

A due giorni dalla conclusione del Festival dei Giovani a Gaeta rimane ancora vivo il successo di una manifestazione che ha superato ogni aspettativa. Dal 10 al 13 aprile sono stati in migliaia gli studenti italiani accorsi per partecipare a più di duecento eventi, convegni, laboratori, workshop. La città di Gaeta è diventata il luogo ideale per apprendere, confrontarsi e proporre idee ai giovani, grazie a ospiti e relatori provenienti dal mondo della formazione, finanza, comunicazione e ricerca. Una quattro giorni in cui i ragazzi sono riusciti a superare qualsiasi differenza, anche sulle note della musica di Michele Bravi, Mudimbi ed Enrico Nigiotti.

Un bilancio decisamente positivo – ha commentato soddisfatto il sindaco di Gaeta, Cosmo Mitrano – un progetto su cui abbiamo creduto perché consapevoli delle potenzialità della nostra città in termini di organizzazione, accoglienza, spazi, location, servizi, ma soprattutto perché Gaeta è un luogo ricco di bellezze paesaggistiche, storiche e culturali. Intendo ringraziare – ha aggiunto il primo cittadino – Strategica Community, l’Università Luiss Guido Carli ed Intesa Sanpaolo main sponsor che hanno contribuito alla riuscita della manifestazione”. Il legame tra la città di Gaeta e i partner del Festival dei Giovani è stato infatti rafforzato dalla recente firma del Protocollo d’Intesa. Per altri quattro anni lo stesso sindaco Cosmo Mitrano collaborerà con il Direttore Generale dell’Università Guido Carli di RomaGiovanni Lo Storto e con Fulvia Guazzone, CEO e Founder di Strategica Community.

“Il successo del Festival – ha precisato Cosmo Mitrano nel corso del suo incontro con l’ex Ministro della Giustizia del Governo Monti – è la conferma che la strada intrapresa è quella giusta e Gaeta in questi anni è diventata un punto di riferimento della cultura giovanile italiana”.

Il Festival dei Giovani ha portato non solo benefici all’economia di Gaeta, ma anche ai comuni limitrofi come Terracina e Cassino. Numerose le strutture alberghiere che hanno fatto fronte alle richieste di ospitalità degli studenti. Un turismo giovanile, dunque, che deve essere prorogato e potenziato. Non resta che mettersi già al lavoro per la quarta edizione del Festival dei Giovani.

SHARE