di Daniela Pesoli – Tre giorni di divertimento, allegria ed eventi. E’ quello che promette la quarta edizione del Carnevale di Gaeta, presentato stamattina nella sala consiliare del Comune durante una conferenza stampa.

Ad illustrare il programma erano presenti il sindaco Cosmo Mitrano, il presidente della commissione cultura Gianna Conte, il presidente della Pro loco Christian Rosato e Rolando Bozzella per il gruppo dei carristi.

Il sindaco ha indicato il principale obiettivo del Carnevale 2020: superare i confini locali e creare una manifestazione che, in termini di attrattività, porti turisti in tutto il comprensorio del Golfo.

“Il nostro dovere e la nostra sfida – ha detto Mitrano – è quello di creare le condizioni per favorire lo sviluppo, ci siamo riusciti con Favole di luce e vogliamo farlo anche con il Carnevale che continua a crescere”.

Una crescita anche a livello di contatti nazionali. Durante la conferenza stampa, infatti, è stato comunicato che proprio questa mattina è stata ufficializzata l’adesione all’Associazione nazionale del Carnevale che riunisce i maggiori comuni italiani che fanno di questa festa un traino per l’economia locale. Un’adesione che dà il via ad uno scambio culturale tra Gaeta e Viareggio.

Una festa definita “collettiva” da Gianna Conte, coordinatrice del Carnevale per conto del Comune, perché coinvolge tutti e accomuna in una sfida incentrata sule tradizioni e sulla cultura.

Vasto il programma della rassegna carnascialesca, spalmato su tre giorni: 16, 23 e 25 febbraio.

Carri allegorici realizzati dai maestri cartapestai di Gaeta, sfilata di maschere, concorsi per piccoli e adulti, spettacoli, aree di animazioni per bambini e molte altre sorprese a partire da domenica 16 febbraio in piazza XIX Maggio dove ci sarà anche il volo dell’angelo, tra le più attese performance del Carnevale, che sarà ripetuto in tutte le date.