Favole di Luce

Ogni anno l’offerta si arricchisce, trascinando in un enorme vortice sia quanti apprezzano le bellezze di Gaeta, sia i più devoti alla magia del Natale.

Le “Favole di Luce” non sono soltanto la manifestazione cardine del comune del basso Lazio, ma un lavoro di squadra che coinvolge enti pubblici e privati con lo scopo di attrarre turisti da qualsiasi luogo.

Corposo il calendario di iniziative per l’edizione 2019-2020, esposto nella mattinata odierna nell’aula consiliare di piazza XIX Maggio.

Poco importa se il perdurare di un clima decisamente estivo ci conduce sulle spiagge di Serapo o Sant’Agostino, con oggi parte il conto alla rovescia per le ormai famose luminarie, in programma dal 3 novembre al 19 gennaio.

Ad introdurci in questa atmosfera la sfilata delle ragazze, vestite di “Favole di Luce”, della scuola di danza “Centro del Movimento” di Rita Spinosa, sulle note della sigla ufficiale dell’evento, composta dal maestro Gianni Donati.

Lungo l’elenco dei partners che contribuiranno alla buona riuscita di ciò che il sindaco ha definito una vera e propria grande festa: la Camera di Commercio di Latina nella persona del commissario Mauro Zappia; Lucio Pavone dell’Autorità del sistema portuale del Mar Tirreno centro-settentrionale; Gianna Conte della XVII Comunità Montana “Monti Aurunci”; il presidente del Coni Lazio Riccardo Viola e del Gruppo Eco Liri Davide Papa; il direttore dell’Ipab Santissima Annunziata Clemente Ruggiero; la Banca popolare del Cassinate; Giovanni Acampora, presidente di Confcommercio Lazio e Lazio sud; la dirigente scolastica dell’Istituto “Fermi”, Maria Rosa Valente; Christian Rosato, presidente della Pro Loco di Gaeta; Antonio Niespolo, direttore di Radio Kiss Kiss; l’Eni; “La Nave di Serapo“; la società di navigazione “D’Amico” e tanti altri.

Una sinergia che nel 2018 ha registrato oltre 500mila visitatori e che intende far sognare ancora bambini, coppie e adulti.

“Ringrazio la macchina organizzativa e tutto lo staff dietro le quinte che crede nelle mie pazzie – ha esordito Cosmo Mitrano – le forze dell’ordine e la Protezione civile per la loro sicurezza. Il Golfo di Gaeta è una famiglia unita dove il turismo funziona persino d’inverno. ‘Favole di Luce’ avrà un indotto economico elevato con ricadute sul comprensorio, da Formia a Minturno”.

Le luminarie, che si accenderanno tra circa due settimane, non interesseranno, in maniera esclusiva, l’aspetto ludico. Curiosi, stranieri e italiani, provenienti dalle Marche, dalla Toscana, dall’Abruzzo e dalla Campania, potranno assaporare un’ottima pizza a portafoglio o degustare cioccolato, lasciarsi stupire dai campionati mondiali degli scultori di ghiaccio, dalla fontana di San Francesco, dal presepe dedicato a Cicerone, dal villaggio incantato di Babbo Natale e dalle attività sportive.

Innumerevoli le novità, come i video mapping, il campanile parlante, le proiezioni artistiche e le elfo cantastorie che tufferanno nel passato storico di Gaeta.

Diciotto le “Favole di Luce” che verranno istallate nei punti strategici della città: “Come in un quadro”, “Sulla rotta di Enea”, “L’albero delle meraviglie”, “Le palmaraie des lumieres”, “L’orsetto pasticcione”, “Tra coralli e stelle marine”, “Maxibon”, “Tra fiori e farfalle”, “Arena Waterpolo”, “Il regalo scintillante”, “L’ancora”, “Bright branches avenue”, “Il viale degli innamorati”, “Il giardino di stelle”, “Il re leone e la foresta incantata” e “Casper, “Il polpo dai magici abbracci”.

Per gli esperti di tecnologia e social network l’amministrazione Mitrano ha pensato, per la seconda volta, ad un’app, ideata dal talentuoso giovane Mirko Di Ciaccio.

Sul proprio smartphone saranno localizzate le luminarie, scegliendo in diretta la preferita. L’applicazione servirà per le informazioni sui posti auto, bus, camper e per l’individuazione dei bagni o delle aree adibite all’attraversamento dei disabili.