Lo stadio comunale “A. Riciniello” di Gaeta riapre “per lavori”. Il costo complessivo dell’intervento è di 700mila euro e nell’elenco di opere pubbliche in programma nel 2020.

“Voglia di ripartire – spiega il sindaco Cosmo Mitrano –  di tornare alla normalità. Questo il sentimento più diffuso, comprensibile e condivisibile anche se vi invito ancora una volta a non abbassare la guardia contro un virus che, purtroppo, ancora minaccia la nostra salute. In questa fase di graduale ripresa anche degli interventi in città che avevamo dovuto sospendere momentaneamente, sono ripartiti anche i lavori presso lo stadio comunale Riciniello”.

Un’opera monumentale di sistemazione e completamento del complesso sportivo  molto più articolata di quanto può sembrare poiché parallelamente alla struttura sportiva prosegue una più ampia sistemazione dal parcheggio in via Serapide.

“Abbiamo pensato – continua il sindaco – anche ai nostri ragazzi andando a realizzare uno skatepark dove potranno cimentarsi in totale sicurezza nelle loro acrobazie in un luogo accessibile a tutti. L’intervento prevede anche il rifacimento del marciapiede lato stadio ed il restyling del muro di cinta e la realizzazione di annessi nuovi servizi igienici”.

“Andiamo finalmente a rispondere alle richieste di tutti i tifosi e sportivi di Gaeta mantenendo fede ad un impegno preso. Anche in questa circostanza – conclude il sindaco – intendo rivolgere un plauso al delegato allo sport Gigi Ridolfi per l’impegno profuso, per il grande lavoro svolto in questi anni e per aver seguito tutto l’iter iniziato nel 2017”.

Sarà realizzata anche la copertura della parte centrale dello stadio comunale con una tribuna mentre 100mila euro sono destinati al rifacimento dell’impianto di illuminazione dello stadio.

“Finalmente – conclude il delegato allo sport Gigi Ridolfi – dopo il periodo di lockdown riprendono i lavori a ritmo serrato e con rinnovato entusiasmo. L’auspicio è di vederli portare a termine prima dell’inizio della nuova stagione calcistica. Siamo tutti fiduciosi e non vediamo l’ora di poter accedere in uno stadio ancora più bello ed accogliente”.