di Daniela Pesoli – A Gaeta il Nido dell’infanzia e l’assistenza specialistica scolastica per alunni disabili riprendono le attività in forma on line.

Sono due progetti promossi dal Comune di Gaeta e gestiti dal consorzio Parsifal e dalla cooperativa Astrolabio messi a disposizione dei bambini più vulnerabili per riprendere la relazione con educatrici ed assistenti interrotta dall’emergenza sanitaria.

Per quanto riguarda il Nido d’infanzia, il progetto prevede un canale per file multimediali riservati, dove vengono organizzati i contenuti educativi: un luogo virtuale dove il bambino potrà ritrovare il suo asilo, nelle voci, nelle immagini e nelle proposte educative

“Ciò che si vuole offrire – spiegano gli organizzatori – è una continuità educativa, un ponte tra il mondo di casa e quello del nido, per rientrarvi in contatto e riprendere quell’esperienza”.

Gli alunni disabili, attraverso la collaborazione e il raccordo delle assistenti specialistiche con gli insegnanti di sostegno, saranno seguiti con una serie di proposte educative, anche guidando all’utilizzo delle tecnologie assistite e degli strumenti multimediali, incentivando il più possibile forme di socializzazione a distanza tra i componenti del gruppo classe.

“Si tratta di una rimodulazione dei servizi – spiegano dal Comune di Gaeta – che mantiene le finalità educative e di cura che li contraddistinguono, perché, mai come adesso, non possiamo prescindere dal porre l’attenzione sui bambini e su come tutelarli. La situazione di disagio a cui sono esposti rischia di aprire il varco a ulteriori difficoltà e compromissioni della loro salute e del loro benessere”.