di Massimo Guida – Il sito dei Cantieri Navali Italcraft di Gaeta potrebbe cambiare destinazione d’uso. Infatti il curatore fallimentare ha pubblicato un bando per riassegnare il sito senza specificare la destinazione d’uso che potrebbe modificarsi in base all’assegnazione del bando. Così i cantieri che dal 1955 costruiscono imbarcazioni potrebbero non essere più adibiti alla nautica ma anche a scopi molto diversi.

La fine di un’epoca in qualche modo e il segnale di una crisi profonda nel settore della nautica nel territorio pontino. Come confermano anche le preoccupazioni della Consomare del Golfo, che raccoglie 56 imprese della nautica, che appena appresa la notizia ha scritto un appello accorato al presidente e al vicepresidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti e Massimiliano Smeriglio, all’assessore alle politiche del territorio Michele Civita, a quello allo sviluppo economico Guido Fabiani, quello al lavoro, Lucia Valente, al presidente della Camera di commercio di Latina Vincenzo Zottola e al sindaco di Gaeta Cosmo Mitrano.

“In un periodo di crisi epocale quale l’attuale – scrive il Consorzio – risulta assolutamente necessario compiere ogni sforzo per salvaguardare e proteggere figure professionali qualificate e maestranze preziose per il futuro dell’economia del nostro territorio, che, come noto, vanta una vocazione ultramillenaria nei succitati settori produttivi”.

Eppure, beffa del destino, proprio a Gaeta dal 24 aprile al 1 maggio 2014, si terrà lo Yacht Med Festival “tra i più importanti e apprezzati eventi del Mediterraneo” come si legge sul sito della Fiera internazionale dell’economia del mare. Una kermesse alla quale il presidente Zottola tiene molto ma che evidentemente con il vero settore della nautica ha ben poco a che vedere.