martedì 23 Aprile 2024
spot_img

Futsal serie B – Il Conit Cisterna torna in campo: al riceve i sardi del Jasnagora

Il Conit Cisterna torna a giocare in casa dopo la vittoria in trasferta del derby con il Velletri. La formazione dei presidenti Luigi Iazzetta e Tomas Martino sarà impegnata alle 17:00 contro lo Jasnagora nel match valido per la diciottesima giornata del campionato di futsal di serie B. La formazione sarda si presenta a questo appuntamento dopo il successo per 6-0 con il Pomezia mentre nell’ultima uscita esterna il Jasnagora aveva rimediato la sconfitta (3-1) in casa del Real Ciampino Academy. Il Cisterna nelle ultime cinque sfide ne ha vinte quattro facendo salire a nove i successi complessivi in questa stagione che portano i cisternesi a quota 30 punti nella classifica del girone E.

«Affronteremo una squadra che in classifica ci precede di un punto, una formazione giovane che ha un buon allenatore ma noi dobbiamo vincere perché vogliamo centrare i play-off che sono attualmente il nostro obiettivo minimo – chiarisce Mister Ronconi – Dobbiamo vincere più partite possibili e restare sempre molto concentrati anche perché entriamo in un momento della stagione in cui gli infortuni e le squalifiche possono fare la differenza. Per questa partita abbiamo Pacchiarotti squalificato ma anche i nostri avversari hanno delle assenze, posso dire che abbiamo a disposizione 10 rotazioni e da noi giocano tutti, inoltre sul ritmo possiamo impostare qualsiasi tipo di partita». Poi il tecnico del Conit Cisterna analizza il periodo che sta vivendo il suo gruppo. «La squadra è consapevole della propria forza e io sono orgoglioso di allenarli, abbiamo avuto un inciampo dovuto alla presunzione dopo aver vinto bene due partite, così ho parlato molto di questo con i ragazzi – conclude Ronconi – Quando sono arrivato a Cisterna avevo visto dalla tribuna una partita in cui ero rimasto un po’ deluso dall’atteggiamento che avevo visto in campo: dopo aver allenato questi ragazzi invece posso dire che mi hanno stupito in tanti e mi sono reso conto di aver in mano una squadra importante: sono convinto che anche gli stessi ragazzi siano contenti di quello che stanno facendo, mentre alcuni mi hanno addirittura dimostrato di poter già giocare in categorie superiori».

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img