sabato 26 Novembre 2022

Furto dei computer a scuola. La letterina dei piccoli alunni ai ladri

Con un gesto tipico dei bambini, con la loro ingenuità e l’innata fiducia nel mondo e nel prossimo, alcuni piccoli alunni della scuola primaria dell’istituto comprensivo Giovanni Cena di Latina hanno voluto indirizzare una letterina, con tanto di disegno, a colui, o a coloro, che nei giorni scorsi hanno fatto sparire decine di computer.

Il furto nella notte tra domenica e lunedì: trafugati 31 computer dalle aule.

“Cari signori che avete preso i nostri computer, per favore potete ridarceli? – scrivono i bambini della primaria Daniele – Noi siamo i bambini che hanno utilizzato questi strumenti per fare delle ricerche, per studiare, per aiutare i compagni in difficoltà. I computer non sono stati presi alla Scuola Giovanni Cena, ma tolti a Matthias, a Manuel, a Sara, ad Alice e a tutti noi bambini. Ci dispiace molto non poterli più utilizzare. Per noi erano veramente importanti! Con i computer abbiamo imparato ad usare le nuove tecnologie e a studiare divertendoci. Siamo molto tristi per quanto accaduto e sorpresi perché non pensavamo che qualcuno potesse mai fare un danno così grande a dei bambini. La scuola per noi vale tantissimo: è un luogo dove possiamo imparare a crescere come cittadini e a non ripetere gli errori del passato; ci aiuta a comprendere i valori e ciò che è importante. La scuola dovrebbe essere un posto sicuro e rispettato da tutti. Provate per un momento a tornare bambini, come vi sentireste se vi privassero di qualcosa che amate e che per voi è molto importante? Prendendo questi computer ci avete tolto un pezzo di futuro. Volevamo chiedervi se cortesemente potete restituirceli: questo ci renderebbe molto felici”.

CORRELATI

spot_img
spot_img