Un nuovo passo, in termini di radicamento, per Fratelli d’Italia in provincia di Latina è stato compiuto in questo in ore.

Chiusa la partita elettorale, per il 2020, che ha visto il partito tenere ferma la guida del più grande Comune del Lazio chiamato al voto in questo autunno, eleggendo alla guida della città Roberta Tintari, è arrivato il momento di guardare avanti proseguendo sul tracciato iniziato già alcuni mesi fa che ha portato il partito della Meloni a consolidarsi dove era già presente e a creare riferimenti là dove ancora non si era strutturato.

E’ il caso di Gaeta dove è stata ufficializzata, alla presenza del senatore e coordinatore provinciale Nicola Calandrini, dell’eurodeputato Nicola Procaccini e dell’onorevole Alfredo Antoniozzi, la nascita di Fratelli d’Italia.

Portavoce comunale è stato nominato il consigliere Marco Di Vasta mentre Antonio Strozza sarà il vice portavoce.

“La giornata di oggi sancisce ufficialmente la mia adesione in Fratelli d’Italia – ha esordito il neo portavoce Marco Di Vasta – un percorso iniziato a gennaio 2020 quando ho lasciato il ruolo di capogruppo di Gaeta democratica. Fratelli d’Italia è un partito che sta crescendo a livello nazionale e che sta crescendo anche in questa città, come dimostra l’ottimo andamento dei tesseramenti. Tra qualche anno potremo rappresentare la proposta di governo per Gaeta, che dovrà essere una sintesi del panorama di centrodestra della città”.

L’obiettivo è quello di consolidare un dialogo interno al centrodestra puntando a rafforzare l’azione per dare risposte chiare e rapide ai cittadini.

“Con Marco abbiamo iniziato un cammino da gennaio, e oggi facciamo partire un percorso politico in vista del rinnovo dell’amministrazione comunale. Fratelli d’Italia – ha aggiunto Calandrini – sarà presente a Gaeta e lo sarà sempre, con il suo simbolo. Ho dato mandato a Marco di collaborare con Lega e Forza Italia per capire quali saranno le prospettive su questo comune in vista delle prossime elezioni. Oggi a Gaeta nasce anche un partito che andrà a testa alta a difendere i cittadini di Gaeta. Vicino a Marco ci sarà Antonio Strozza, e tanti amici per far crescere questo progetto politico, in una zona dove oggettivamente abbiamo avuto difficoltà a radicarci”.

Un tassello importante in un’area come quella del sud pontino dove Fratelli d’Italia stenta ancora a radicarsi.

“A Gaeta Fratelli d’Italia si sta strutturando attraverso – spiega Nicola Procaccini – persone di qualità. Quando c’è qualità e quando questo si sposa con la quantità e cioè con il prendere voti, si può fare qualcosa di positivo e di rivoluzionario”.

Ora non resta che lavorare per dare a Gaeta una stabilità e una prospettiva, in termini di progettualità e sviluppo, che possa farla crescere come riferimento per il comprensorio del Golfo.

“Ringrazio Nicola Calandrini, punto di riferimento di Fratelli d’Italia in provincia, che nel momento in cui gli ho rappresentato la possibilità di conoscere Marco Di Vasta ha dichiarato entusiasmo e si è messo a lavoro per cucire questa nuova realtà che a Gaeta sta emergendo. Se Fratelli d’Italia  – ha concluso Alfredo Antoniozzi – cresce nei consensi non è per ragioni estemporanee ma per scelte fatte negli anni a partire da quella di aprirsi a sensibilità diverse ma che hanno obiettivi comuni, come avvenuto qui a Gaeta. Abbiamo imboccato la strada giusta e Marco nella sua sensibilità ed intelligenza saprà cucire intorno a sé tutte le espressioni sincere che hanno per vocazione il bene comune, riconoscendosi in una matrice politica”.