domenica 25 Febbraio 2024
spot_img

Foto – Casa di comunità e Ospedale di comunità a Sezze; la presentazione dei progetti

Si è svolta nei giorni scorsi la conferenza stampa di presentazione delle iniziative che la Asl di Latina e la regione Lazio vogliono realizzare presso l’ex ospedale San Carlo di Sezze, ora Casa della Salute.

Un evento al quale ha preso parte il Direttore Generale della Asl pontina, Silvia Cavalli, coadiuvata dal direttore sanitario dell’azienda, il dottor Sergio Parrocchia e con il dottor Vincenzo Lucarini, direttore del Distretto 3, a fare gli onori di casa. Ospiti interessati il sindaco di Sezze, Lidano Lucidi, alcuni consiglieri comunali, il consigliere regionale Salvatore La Penna, oltre a diversi operatori sanitari che all’interno della struttura setina ci lavorano quotidianamente o ci hanno lavorato come il dotto Zeppieri, il dottor Raimondi ed il dottor Polidoro.

L’incontro, come detto, aveva l’obiettivo di presentare alla stampa ed alla cittadinanza, quelli che sono i progetti che la regione e la Asl intendono attuare nella struttura del San Carlo, in particolar modo la Casa di Comunità, l’Ospedale di Comunità ed, in ultima analisi, anche una Residenza Sanitaria per Anziani, totalmente pubblica, per la quale, però, siamo ancora alla fase progettuale.

Per le prime due realtà, invece, la progettazione è stata avviata e siamo a buon punto. Inoltre, essendo lavori che si realizzeranno con i fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (il famigerato PNRR), anche la fase realizzativa dovrà prendere il via a breve.

Un investimento ingente quello che verrà utilizzato, per dotare tutta la zona dei monti Lepini di un punto di riferimento a livello sanitario. L’obiettivo, infatti, e la dottoressa Cavalli lo ha fatto capire molto chiaramente, è quello di portare la sanità a casa delle persone, e non il contrario. Quanto accaduto negli ultimi anni all’ospedale Goretti, non tanto al Pronto Soccorso ma soprattutto negli altri reparti, non deve più accadere. La Casa di comunità, per esempio, per la quale verranno impiagati più di un milione e 775mila euro per la realizzazione (spesa enorme ma necessaria per ristrutturare i locali che verranno destinati), accoglierà e assisterà i pazienti malati cronici, smaltendo molto del lavoro che altrimenti sarebbe destinato proprio al Goretti.

Stessi obiettivi per la realizzazione dell’Ospedale di Comunità, che sarà dotato di 20 posti letto.

In sostanza il progetto prevede di creare un punto di riferimento importante per tutto il territorio, nel quale opereranno medici di medicina generale, pediatri, specialisti, infermieri ed altre figure mediche. Prevista nel progetto la presenza di un’area CUP e PUA (il Punto Unico di Accesso, ovvero il luogo dove si prende in carico la persona con tutti i suoi bisogni sociali e sanitari, e dove si realizza l’integrazione sociosanitaria), con quest’ultimo che si propone l’obiettivo di smistare ed indirizzare i cittadini – pazienti verso il percorso sanitario migliore; oltre ad un’area diagnostica ed una ambulatoriale.

Dettagliata ed esaustiva la presentazione della dottoressa Cavalli, apprezzata anche dal sindaco Lucidi che, nel suo intervento, ha manifestato tutta l’approvazione sua, e dell’amministrazione, per un progetto destinato a creare un polo sanitario molto importante e per la salute dei sezzesi, e per le l’indotto che creerà una volta entrato in funzione.

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img