Avo Formia

Maschere, cappelli colorati e soprattutto tanti sorrisi. Così l’Avo, associazione volontari ospedalieri, porta l’atmosfera del Carnevale nei reparti di pediatria, medicina, nefrologia, ortopedia e chirurgia dell’ospedale “Dono Svizzero” di Formia.

Sabato 2 marzo e martedì 5 marzo i volontari regaleranno a tutti i ricoverati una mattinata molto speciale, ricca di allegria e di parole di conforto. Una “presenza amica”, che permetterà di dimenticare per un po’ la condizione di sofferenza.

Protagonisti della visita anche i 35 studenti del Liceo Scientifico “Enrico Fermi” di Gaeta, che saranno guidati dal volontario Vincenzo Savino.

Grazie a un progetto di alternanza scuola-lavoro tra la presidente Avo Formia, Giulia Moccia, e il dirigente scolastico dell’Istituto superiore, la professoressa Maria Rosa Valente, i ragazzi vivranno un’esperienza unica che rimarrà sicuramente impressa nella loro memoria emotiva.

Faccio volontariato da ventidue anni – ha raccontato la professoressa Carmela Giannelli, delegato area giovani Avo Formia – L’occasione si presentò mentre una mia amica era in un letto di ospedale, in seguito a un grave incidente. Mi fece notare delle figure bianche discrete e servizievoli, che le donavano compagnia e assistenza. Disse ‘uscita da qua mi iscrivo’ e io d’istinto ho deciso di seguirla. Mi commuovo ancora quando, al di là dei momenti di stanchezza, rifletto su questo progetto semplice ma vincente. Ha illuminato e ancora illumina la mia vita”.