phishing

Truffato con la tecnica del phishing. È accaduto a Formia, dove gli investigatori del locale commissariato hanno denunciato in stato di liberà un giovane di 22 anni residente in Campania. Di lui si occuperà la Procura della Repubblica di Cassino. 

Il truffatore era riuscito a sostituirsi a Poste Italiane probabilmente inviando una mail alla quale il malcapitato professionista ha risposto. Da lì è stato indirizzato in una chat. Convinto di parlare con un operatore di Poste, ha fornito le sue credenziali. 

A quel punto il gioco era fatto e il truffatore ha potuto prelevare ingenti somme di denaro. La vittima, non avendo ricevuto conferma dell’operazione svolta, ha capito di essere stato vittima della truffa. 

Gli investigatori del commissariato di Formia, seguendo i flussi del denaro spostato, sono quindi riusciti a smascherare l’autore.

Il phishing è una truffa che viene effettuata via mail. Il mittente prende un indirizzo mail molto simile a quello dell’ente a cui si vuole sostituire, in questo caso Poste Italiane, e anche il contenuto della mail, nella parte grafica, è del tutto simile all’originale.

In ogni caso è bene prestare attenzione, Poste Italiane non chiede mai credenziali per via telematica.