giovedì 23 Settembre 2021
spot_img

Formia, smentite le accuse di affissione selvaggia contro Amato La Mura

E’ molto deluso e rammaricato il candidato sindaco Amato La Mura per il contenuto di una diffida, rivelatasi infondata, a nome dell’associazione “Un’altra città” del Movimento Cinque Stelle.

La segnalazione giunta al commissario Prefettizio del comune di Formia Silvana Tizzano, al segretario generale Alessandro Izzi e alla dirigente della Polizia locale Rosanna Picano riguardava l’illegittima affissione di manifesti elettorali da parte del candidato sindaco La Mura.

Sono rammaricato per tante ragioni, una su tutte – osserva La Mura –: Paola Villa, candidata sostenuta da “Un’altra città” e dal Movimento Cinque Stelle, per tentare di ridimensionare una delle peggiori gestioni amministrative che la città nella sua lunga e prestigiosa storia ricordi aveva raccomandato a tutti noi candidati di affrontare una campagna elettorale all’insegna della sobrietà, propositività invitando ad utilizzare un linguaggio civile e del rispetto degli avversari, qualsiasi essi siano. Sono state tutte parole al vento,ingannevoli e frutto di un facile pregiudizio che sintetizza anche la pochezza ed il pressapochismo di cui l’amministrazione dell’ex sindaco Paola Villa è stata paladina nel corso dei due anni e mezzo in cui ha avuto l’onere, mal ripagato, di guidare il comune. La sortita dell’avvocato Lombardi si è rivelata la tradizionale foglia di fico per nascondere il nulla e attaccare, sul piano politico e personale, un candidato a sindaco – aggiunge il dottor La Mura – che ha la legittima pretesa, grazie all’affidabilità della coalizione che lo sostiene, di diventare nel prossimo quinquennio una credibile e competitiva forza di governo. Altro che…”

Amato La Mura attribuisce all’avvocato Lombardi il merito di aver provocato “un’autentica tempesta in un bicchier d’acqua che, per un giorno ha terrorizzato diversi settori del comune subito dopo la presentazione della sua manettara diffida corredata da un’ampia ed inutile documentazione fotografica. Personalmente ringrazio l’attenta ed immediata azione di verifica del segretario generale Izzi giunta ad una conclusione di cui ero già certo”.

Il dottor La Mura, ricevute le scuse da parte del comune di Formia, pretende ora che a formalizzarle in maniera pubblica siano il candidato sindaco della lista civica “Un’altra città” e del Movimento Cinque Stelle e l’avvocato Lombardi.

“Mi appello al loro buonsenso e senso di responsabilità dopo aver reclamizzato una campagna elettorale dai toni soft” e, intanto, di concerto con i suoi legali di fiducia, il candidato promuoverà una serie di iniziative a tutela della sua immagine e della sua attività di dirigente medico.

Katiuscia Laneri
Giornalista pubblicista dal 1997. Conduttrice, scrittrice, videoreporter pluripremiata e pioniera dei new media. E' stata, tra le altre esperienze, fornitore di servizi per RAI TgR e corrispondente freelance per diverse testate e agenzie nazionali, anche da teatri di guerra quali Afghanistan, Libano e Kosovo. Esperta di economia turistica con la passione per le produzioni televisive.

CORRELATI

spot_img
spot_img