scomparsa Matteis Formia
Antonio Di Rocco

L’amministrazione comunale di Formia ha perduto, purtroppo, un’altra ed importante occasione per esternare una forma di gratitudine nei confronti di un personaggio considerevole per la crescita, economica, sociale e culturale della città”. Lo ha dichiarato in una nota il capogruppo consiliare della Lega, Antonio Di Rocco.

Un duro attacco che arriva a pochi giorni dalla scomparsa dell’ex sindaco di Formia, Giovanni Matteis, le cui esequie si sono svolte domenica 10 febbraio.

“Al di là delle parole di circostanza pronunciate nel corso della sua orazione funebre – ha ribadito Di Rocco – il sindaco Paola Villa, sprovvista della fascia tricolore, avrebbe dovuto onorare il compianto avvocato Matteis diversamente. Bisognava proclamare una giornata di lutto cittadino, permettendo di rendere omaggio al feretro con la partecipazione, presso la chiesa di San Giovanni Battista, del gonfalone del Comune di Formia. Queste due mancanze hanno svuotato di significato quanto detto dal sindaco”.

Omissioni che non sono in linea, secondo la Lega, con “quelle qualità umane e politiche che hanno permesso all’ex primo cittadino di diventare uno dei più stretti e fidati collaboratori del presidente della Democrazia Cristiana Aldo Moro”.

“La città ha perduto con Giovanni Matteis un punto di riferimento – ha concluso il consigliere d’opposizione – Considerava il confronto ed il dialogo due strumenti unici per il perseguimento, attraverso un senso nobile e diverso di civiltà politica, del bene comune. Nutriva un altissimo e nobile rispetto dell’istituzione che incarnava e rappresentava, un modello da emulare per tutti, a prescindere dalle appartenenze politiche e partitiche. In un panorama odierno dominato da tanti leoni della tastiera e contrassegnato dalla comunicazione veloce ha prevalso, invece, una grave superficialità”.